I Comuni

Gli oltre 8.000 comuni italiani detengono un immenso patrimonio archivistico, pur con notevoli differenze da un Comune all'altro.


Purtroppo non sempre è stato istituito un archivio storico e anche laddove questo esista, non in tutti i casi è fruibile dai ricercatori. In alcuni casi i fondi storici comunali sono stati riversati agli Archivi di Stato competenti per territorio.


Il materiale potenzialmente presente in un archivio comunale è enorme e si va, solo a titolo di esempio, dalle riformanze cittadine ai monti di pietà, dalla gestione delle scuole e le opere maternità e infanzia ai teatri, dalle congregazioni dei nobili agli archivi notarili, dai catasti alla sanità e molto altro.

Ciò che maggiormente interessa la ricerca di un genealogista è, però, un fondo di competenza statale ma il cui funzionamento e conservazione è affidato al Sindaco di ogni singolo comune: lo Stato Civile, formalmente istituito il 1 gennaio del 1866, ma con eccezioni che riguardano alcune zone d'Italia. Per i dettagli vedere la scheda relativa.

Scheda “Atti dello Stato Civile”


La possibilità di accedere a questi fondi, di consultarli direttamente e fruirne, benché sia in via teorica garantita dalla legislazione italiana, non è però scontata e viene regolamentata in modo diverso da regione a regione e con notevoli differenze anche all'interno della stesso territorio ed è quindi impossibile offrire indicazioni generali al riguardo.

In ogni caso, le risorse disponibili in rete sono in costante aumento e molto varia è la loro fruibilità: si va dai semplici inventari delle consistenze alla possibilità di sfogliare documenti digitalizzati per arrivare ad archivi indicizzati con possibilità di ricerche per nominativi. Come comportarsi, quindi?

Una volta che si è circoscritta la zona delle proprie ricerche e si è individuato il Comune di interesse, si può iniziare una prima ricerca sul sito istituzionale del Comune stesso, dove solitamente è riportata l'esistenza degli archivi, la loro ubicazione, i nomi dei responsabili e gli eventuali contatti per chiedere informazioni.


Un sito molto utile e in continua evoluzione è il Portale Antenati, promosso e curato dalla Direzione Generale per gli Archivi, dove sono attualmente consultabili documenti dello Stato Civile di decine di province. Il materiale pubblicato proviene dagli Archivi di Stato e non direttamente dai Comuni e non è quindi perfettamente sovrapponibile in termini di consistenza e copertura territoriale, ma si può consultare comodamente da casa.

Portale Antenati


Altro strumento online fondamentale per conoscere la consistenza degli archivi è il portale del SIUSA (Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche) dove sono censiti anche archivi comunali come, a titolo di esempio, l'archivio del Comune di Todi.

Inventario comune di Todi


Anche nel nostro sito abbiamo raccolto un elenco di risorse on line che possono risultare utili per la ricerca genealogica, dove sono presenti anche link a siti di archivi comunali.

Siti consigliati


ALTRE RISORSE

Elenco dei Comuni Italiani

Vecchie denominazioni dei Comuni

Variazioni territoriali dei Comuni

Comuni soppressi






Questo articolo proviene da TuttoGenealogia.it
http://www.tuttogenealogia.it/