Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Hai fotografato un documento in latino ma non riesci ad interpretarlo o tradurlo? Posta qui l’immagine e ti aiuteremo.


Moderatori: AleSarge, Tegani, Kaharot, Staff

Avatar utente
bigtortolo
Staff
Staff
Messaggi: 5455
Iscritto il: venerdì 14 novembre 2008, 10:42
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da bigtortolo »

Pag. 2- nota a margine:
Si annota nel presente margine come il 29 novembre furono pagati i detti 10 ducati di capitale, e soddisfatte le terze decorse e fu fatta quietanza nella forma etc. ed il presente instrumento di censo si cassa come chiaramente è limpido da atto di cassazione di mia mano sotto il presente giorno, mese e anno

Don Giacinto Spoltore, in virtù della licenza arcivescovile, costituì un censo con la Ven. Cappella della Santa Casa un censo annuo riscattabile di 8 carlini su tutti i suoi beni, in particolare su un terreno di circa due salme con vigna e casa, con ulivi, querce e altre piante, sito in località Valle traversa, confinante in testa e da un lato con un tratturo reale, al piede Tommaso Paolucci, dall’altro lato Costanza Verna, che tiene in enfiteusi Lorenzo Paolucci, al prezzo di ducati 10, che il venditore ebbe e ricevette in moneta d’argento di ducati 100 lasciati dal fu don Domenico Spoltore, fratello di Giacinto, peso di messe

Pag. 3
(non capisco la prima riga) detto annuo censo do 8 carlini promise e si obbligò solennemente, e secondo la forma della rev. Camera Apostolica, corrispondere e pagare alla detta ven. Cappella e per essa ai suoi procuratori, qui a Lanciano, ogni anno nel mese di gennaio, e fare il primo pagamento dei detti 8 carlini, il primo gennaio dell’anno entrante 1711.
Segue il consueto formulario notarile…
Vittore

Avatar utente
Spelt
Livello1
Livello1
Messaggi: 36
Iscritto il: giovedì 29 luglio 2021, 22:37
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da Spelt »

Grazie mille, è molto più chiaro ora. Praticamente Don Giacinto chiese un prestito alla Santa Casa del Ponte tramite un censo consegnativo. L'unica cosa che non capisco è perchè i soldi gli furono dati da quelli rimanenti (?) del fratello Don Domenico...

Avatar utente
Spelt
Livello1
Livello1
Messaggi: 36
Iscritto il: giovedì 29 luglio 2021, 22:37
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da Spelt »

DOCUMENTO 11

Un documento un pò diverso, l'atto di nascita di Nicola Bernardino Spoltore che presenta una strana e lunga appendice.

Nella prima pagina: Oggi 01/08/1694 a Lanciano, Nicola Bernardino nato il 29 (luglio?) figlio legittimo e naturale di Geronimo Spoltore e Beatrice Masciangelo coniugi di questa parrocchia di Santa Maria Maggiore fu battezzato col rito di S. Romana Chiesa... da me ? Poi inizia una parte a me incomprensibile ma che parla ancora di Geronimo Spoltore e Beatrice Masciangelo e di un bambino

Immagine

Immagine

Avatar utente
bigtortolo
Staff
Staff
Messaggi: 5455
Iscritto il: venerdì 14 novembre 2008, 10:42
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da bigtortolo »

Oggi 01/08/1694 a Lanciano, Nicola Bernardino nato il 29 (dicti mensis – evidente lapsus) figlio legittimo e naturale di Geronimo Spoltore e Beatrice Masciangelo coniugi di questa parrocchia di Santa Maria Maggiore fu battezzato col rito di S. Romana Chiesa secondo la forma del rituale romano da me

Nel secondo foglio si rende noto, tramite la lettera di procura redatta dal notaio, presenti i testimoni, che, a reggere l’infante al fonte battesimale, anziché il magnifico Carlo Lesina mercante distante (ob distanzia loci) sarà ???
(almeno credo)
Vittore

Avatar utente
bigtortolo
Staff
Staff
Messaggi: 5455
Iscritto il: venerdì 14 novembre 2008, 10:42
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da bigtortolo »

Per hoc presens (…) procurationis § epistola cunctis (…) pateat et

(…) qualiter Magnificus Carolus Lesine hic Theato presens merzator non
valens ad infra (…), et (…) interesse ob distantia loci, aliisque et
causis legitime praepedictis ; (…) igitur de fide, et integritate domini
Antonii Compuretti ipsum quidem cive (…), (…)(…)
facit , constituit, et creat suum certum , et indubitatum Procuratorem generalem , et ad
infrascripta specialiter ad (…) qua (…) plenitudine ita ut qualiter specialitate
non deroget nec e contrario § ad pro(…)curatorio, nec, et per parte ipsius constituente ad
tenendum in Sacro Fonte Baptismatis Infantem natum ex Hieronimi
de Spoltore in (…) legitimi matrimonii Beatricis eius uxoris de
civitate Lanciani, eidemque nomen imponedum dictumque (…) ad
dictum sacrum fontem comitandum , verbis sacris proferendis per
Reverendum Parochum (…), fidemque habendum, omniaque (…)
in primis (…), et circa premissa peragendum et situla (…) quam
(…) essigendo magis speciale , quam (…) est (…), (…)(…)
et prestandam dum fuere poteat , et haberet ipsamet Costituens si (…)
et (…) ad (…) (…) relevatus (…) (…)(…) (…)
procure et epistola scripsi ego Notarius etc etc
Vittore

Avatar utente
Spelt
Livello1
Livello1
Messaggi: 36
Iscritto il: giovedì 29 luglio 2021, 22:37
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da Spelt »

Grazie mille per l'aiuto :)

Avatar utente
Spelt
Livello1
Livello1
Messaggi: 36
Iscritto il: giovedì 29 luglio 2021, 22:37
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da Spelt »

DOCUMENTO 12

Da un lato Don Domenico Santella, rappresentante gli interessi di Santa Maria Maggiore, a cui Irene (?) Augustina (?) e Pietro Alborino vendettero un censo redimibile su una casa a Civitanova. Il documento fu vergato dal notaio fu Giovanni Francesco Cannarsa, poi entra la figura di Leonardo Spoltore, legittimo amministratore dei beni di Francesca Alborino (forse figlia o nipote o sorella di Pietro Alborino di cui sopra?). Il figlio di Leonardo, Don Pietro Spoltore avrebbe estinto questo censo?

Immagine

Immagine

Immagine

Avatar utente
bigtortolo
Staff
Staff
Messaggi: 5455
Iscritto il: venerdì 14 novembre 2008, 10:42
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da bigtortolo »

8 ottobre 1700 in Lanciano, nel fondaco della gabella della farina.
Don Domenico Antonio Santello, procuratore di S. Maria Maggiore, afferma che molti anni addietro i furono frate(?) Agostino e Pietro Alborino vendettero un censo annuo riscattabile do 8 carlini alla suddetta chiesa, imposto su ogni loro bene, in particolare su una casa in città, quartiere di Civitanova confinate con la starda pubblica sul davanti, Silvestro Spoltore sul retro, il ruscello da un lato e altri confinanti, per il capitale di 8 ducati, come da atto censuale rogato dal notaio Giovanni Francesco Cannarsa li 27 agosto, qual censo anuo fosse quindi da corrispondere fin qui tramite Leonardo Spoltore in qualità di marito e legittimo amministratore dei beni di Francesca Alborino padrona della casa, e volendo don Pietro Spoltore figlio dei coniugi suddetti esimere i suoi genitori, se stesso e gli eredi dalla predetta obbligazione, don Pietro paga al procuratore 8 ducati di capitale, che il procuratore della detta chiesa ebbe ed incassò in moneta d’argento.
Vittore

Avatar utente
Spelt
Livello1
Livello1
Messaggi: 36
Iscritto il: giovedì 29 luglio 2021, 22:37
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da Spelt »

Grazie mille di nuovo!

Avatar utente
Spelt
Livello1
Livello1
Messaggi: 36
Iscritto il: giovedì 29 luglio 2021, 22:37
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da Spelt »

DOCUMENTO 13

20/01/1686, da una parte il Reverendo (?) Pietro Antonio Del Gesso (e altri che non capisco) che diedero in enfiteusi per migliorarlo fino alla terza generazione maschile un terreno vitato di un tomolo a Leonardo Spoltore sito in contrada dei Sabini, confinante a capo coi beni del fu Leone Ricci, a piedi la strada pubblica, a un lato i beni della venerabile chiesa di San Lorenzo dati in enfiteusi a Francesco di Scerni (?), a un altro i beni di Luigi Geronimo Miroldi. Poi un obbligo da sciogliere per Leonardo e la venerabile (??)

Immagine

Immagine

Immagine

Avatar utente
bigtortolo
Staff
Staff
Messaggi: 5455
Iscritto il: venerdì 14 novembre 2008, 10:42
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da bigtortolo »

In Dei nomine amen
Die vigesima mensis Ianuarii milllesimo sexcentesino octuagesimo sexto, quinta indictione
Regnante § in civitate Lanciani, et in claustro venerabilis conventus Sancti Francisci
Minorum Conventualium §

In nostri presentia personaliter constituti Reverendus Pater frater Petrus Antonius Gessi Guardianus predicti
venerabilis conventus prefatae civitatis Lanciani, et admodum reverendus Pater magister frtaer Hieronimus Lucidi dictae civitatis, frater Joannes Andreas Bari? Eiusdem, frater Paulus Cimini a
Bolignano, et frater Ioannes Baptista Ricci dictae civitatis in unum coadunati in loco predicto
representantes maiorem, et seniorem partem conventus predicti § qui sponte, non vi § precedente
tamen consilio inter ipsos facto pro causa infrascripta § insolidum dederunt, cesserunt, et concesserunt in emphiteusim ad tetiam generationem masculinam tantum, et
ad meliorandum § Leonardo Spoltora presenti § quadam vinealem unius tummuli,
et unius coppae cum arboribus olivarum numero quatraginta non reductis, quae
reductae sunt arbores octo, situm in dominio dictae civitatis in contrata della Sabina
iuxta a capite haeredum quondam Leonis Ricci, a pedem viam publicam, ab unum latere
bona venerabilis eccliesiae sancti laurentii, quae detinentur in emphiteusim per
Franciscum de Scena, ab alio bona Ioannis Hieronimi Miraldi, aliosque fines §
solitum concedi in emphiteusim, et detinebatur per Coesarem Sargentem, et devo-
lutum ad dicta conditionem, et fuit emptum dictum vineale per dictum conventum a quondam Beatrice
de Petro uxore quondam doctoris phisici Iacobi Felli pro pretio ducatorum duodecim §
francum § et hoc pro annua correspontione emphiteutica carlenorum decem ratione soli, et
arborum predictorum, quos § ipse Leonardus emphiteuta promisit, et se sollemniter obbligavit
dicto venerabili conventu, et pro eo dictos venerabilibus patribus ptesentibus insolidum, et
aliis § ac legitimo procuratori ipsius venerabilis conventu anno quolibet in mense Decembris,
et incipere correspontionem dictorum annuorum carlenorum decem in die 25 mensis Decembris
currentis anni 1686, et sic in futurum continuare in pace § et si plus § (…) § ad
habendum § cedentes § ponentes § costituentes insolidum § (...) § (...) directum dominium §et costituente
se precario iure, et pro simplex constitutum § tenere § donec § quam § et (…), haeres § non
admovere, sed defendere, et de evictione teneri in (...) § et si deficerit a quali-
bet annata, possit presens instrumentum (…) ipsum in (…) quocunque tribinali, curia, loco,
et foro § tam per dictos patres presentes, procutarore, vel per alios successores § et liquidar § via
ritus (.......) et de censibus § et si per biennium, vel deterioraverit,
vel finietur lineam, tunc observeret natura contractus emphiteutici, et iura, quae dispo-
nuntur supra eo § promittentes ad invicem observatione via pacta, et clausolas emphiteuticas
etiam sic non expressa, seu expressas, tamen habeantur pro exprtessis, et specifice
declaratis § non obstante § quia sic § pro quibus § ad invicem obbligant sese & bona §
ad (………….)
dicti reverendi patres tactis pectoribus tenore religiosorum, et predictus Leonardus em-
phiteota tactis scripturis § fiat § unde §
Vittore

Avatar utente
bigtortolo
Staff
Staff
Messaggi: 5455
Iscritto il: venerdì 14 novembre 2008, 10:42
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da bigtortolo »

Personalmente costituiti frate Pietro Antonio Gessi, guardiano del convento, molto rev. frate e maestro Gerolamo Lucidi di Lanciano, frate Giovanni Andrea Bari della stessa città, frate Paolo Cimini da Bolignano e fra Giovanbattista Ricci da Lanciano, radunati nel chiostro e rappresentanti la maggiore e più anziana parte del convento, dopo essersi prima consigliati tra di loro, cedono in enfiteusi per tre generazioni di soli maschi un tomolo e una coppa di vigna con 40 piante di olive non potate di cui quelle potate sono numero otto, sito in contrada della Sabina, confinante in testa con gli eredi del fu Leone Ricci, al piede la via pubblica, da un lato la proprietà della chiesa di S. Lorenzo, detenute enfiteuticamente da Cesare Sargente, ed assegnate alla detta condizione, e detta vigna fu acquistata dal convento dalla fu Beatrice de Petro, moglie del fu dott. fisico Giacomo Felli al prezzo di 12 ducati, e questo dietro corresponsione del canone annuo di 10 carlini in ragione del suolo e delle piante predette, somma che Leonardo promise e s’obligò di pagare al convento ogni anno il 25 Dicembre, iniziando il pagamento il 25 corrente Dicembre 1686 ….. etc. etc.
Vittore

Avatar utente
Spelt
Livello1
Livello1
Messaggi: 36
Iscritto il: giovedì 29 luglio 2021, 22:37
Contatta:

Re: Atti notarili del 1600 famiglia Spoltore

Messaggio da Spelt »

Grazie :)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti