TuttoGenealogia.it

Avvisi e Informazioni inerenti il forum. - Inventare cittadinanze

Luca.p - 08 Apr 2017 - 16:39
Oggetto: Inventare cittadinanze
Ecco cosa succede quando si usa la ricerca per fregare il prossimo.
Bene, speriamo che lo tengano "fresco" per un po', così avrà modo di stemperare gli ardori genealogici.
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

piacentino - 08 Apr 2017 - 19:31
Oggetto:
E quelli che abbiamo tutti i requisiti e vogliamo fare la cittadinanza ai nostri discendenti, dobbiamo introdurre i documenti ai consolati, sopportare il disprezzo dei funzionari consolari ed aspettare per piu di 4 anni per l'invio dei documenti ai comuni rispettivi...L'ho vissuto di persona...
gianantonio_pisati - 08 Apr 2017 - 21:53
Oggetto:
Sarò sprovveduto, ma io non ho capito come possano aver fatto. Anche perché bisogna produrre il certificato con fotocopie degli atti, indicazioni precise, albero, ecc. Qui non solo loro sono colpevoli, ma tutta la trafila. Non basta l'autocertificazione..
gianantonio_pisati - 08 Apr 2017 - 21:55
Oggetto:
Non è che hanno usato la ricerca presso fregare il prossimo. Non l'hanno proprio fatta la ricerca, se la sono inventata.
piacentino - 08 Apr 2017 - 23:02
Oggetto:
Per quelli che siamo residenti all'estero , i consolati italiani sono gli enti dove si fanno le pratiche. I documenti sono copie certificate procedenti del comune d'origine dell'antenato italiano, e tutti gli atti di nascita, matrimonio, morte, divorzio rilasciati dagli enti del paese di residenza, ogniuno con la traduzione originale all'italiano.Devino essere presentati all'ufficio stato civile del Consolato. Poi, dal consolato sono inviati al comune d'origine dell'antenato italiano per il registro nell'ufficio stato civile del comune ed anche nell'ufficio A.I.R.E dello stesso comune. Poi, il comune informa al consolato sui registri fatti...è un proceso che, da solito, si fa in un tempo di 3 o 4 ANNI.
Sembra che nel caso in questioni, il comune non ha chiesto i tramiti che devono farsi al Consolato e senza verificare se, veramente, l'ancestro italiano emigrato all'estero ha trasmesso ai discendenti la cittadinanza italiana, hanno riconosciuto il diritto alla cittadinanza senza partecipazione del consolato. È quello che ho capito dell'informazione del giornale.
ziadani - 09 Apr 2017 - 06:58
Oggetto:
piacentino, sappiamo bene quale dovrebbe essere la trafila.
In questo caso (e non è la prima volta) non è stata seguita la procedura ordinaria, ma una molto, molto straordinaria.
piacentino - 09 Apr 2017 - 12:08
Oggetto:
Ciao ziadani. Sicuramente tutti voi sapete come è la trafila, ma l'ho ricordata perche ho voluto mostrare la differenza tra il trattamento che abbiamo ricevuto quelli si abbiamo il diritto alla cittadinanza e quelli che,senza provare che hanno il diritto, hanno i soldi o sono importanti per il guadagno economico di alcune persone con potere che sono anche responsabili per questa corruzione.
Tantissimi italiani residenti all'estero senza nessun potere , per l'abuso che ricevono presso i consolati italiani, si trasferiscono in Italia per cercare di fare i tramiti direttamente la, ma non riescono perché i comuni richiedono i documenti visti dai consolati
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by PNphpBB2 1.2f © 2003-2004 basato su phpBB 21.2f © 2001, 2002 phpBB Group
e da PNTheme 1.2 che usa i temi Grafici di Daz
e da Attachment-Mod 2.3.6