TuttoGenealogia.it

Leggi & Normative - DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2018, n. 101.. cosa cambia?!

lblasi - 29 Dic 2018 - 17:19
Oggetto: DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2018, n. 101.. cosa cambia?!
Salve a tutti.

Come forse sapete, a Settembre scorso é entrato in vigore il Decreto Legislativo in oggetto (
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!
)

Casus belli: Il comune di Bari da cui ho richiesto copie integrali di Atti di Nascita e Morte fino a Ottobre, ieri mi ha risposto negandomi di fornire analoghe copie adducendo la seguente risposta:

In risposta alla sua richiesta si rappresenta che ai sensi dell'art. 107 del DPR n. 396/2000 e del D.Lgs n. 101/2018, che ha abrogato espressamente l'art. 177 del D.Lgs n. 196/2003 che prevedeva il rilascio delle copie integrali decorsi 70 anni, gli estratti per copia integrale possono essere rilasciati solamente al diretto interessato, oppure a soggetti diversi a condizione che venga presentata motivata istanza comprovante l'interesse personale e concreto del richiedente a fini di tutela di una situazione giuridicamente rilevante
e
il rilascio di copie integrali per la ricostruzione del proprio albero genealogico non costituisce un interesse giuridicamente rilevante.


Question Vi siete giá trovati a confrontarvi con risposte analoghe da altri Comuni italiani? Come suggerireste di muovermi o rispondere?

Grazie mille
elfobianco - 29 Dic 2018 - 18:46
Oggetto:
Ciao...
In una precedente discussione avevo fatto una considerazione in merito:

Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


Alla fine della giostra, come sempre, penso bisognerà attendere che il Legislatore si dia una svegliata ed intervenga a mettere una pezza interpretativa.

Io, per fortuna ed almeno per il momento, non ho avuto alcun problema... (ecco, l'ho detto... me la sono cercata... Very Happy)

F
elfobianco - 30 Dic 2018 - 01:58
Oggetto:
Leggo proprio ora che il Garante per la Privacy si è espresso in merito al codice deontologico per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica, pubblicato in coda al D. Lgs. 101/2018:

Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


In sostanza il Garante ha verificato che il codice deontologico in questione sia conforme al GDPR e ne ufficializza il contenuto.
Il codice sembra avere carattere generale, ma negli artt. 4, 5 e 10 è abbastanza chiaro che l'accesso ai documenti degli archivi storici è tutt'altro che vietato...

Vedremo... Very Happy
Sandime - 30 Dic 2018 - 09:41
Oggetto:
elfobianco ha scritto:
Leggo proprio ora che il Garante per la Privacy si è espresso in merito al codice deontologico per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica, pubblicato in coda al D. Lgs. 101/2018:

Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


In sostanza il Garante ha verificato che il codice deontologico in questione sia conforme al GDPR e ne ufficializza il contenuto.
Il codice sembra avere carattere generale, ma negli artt. 4, 5 e 10 è abbastanza chiaro che l'accesso ai documenti degli archivi storici è tutt'altro che vietato...

Vedremo... Very Happy



Queste regole deontologiche restituiranno cià che ci è stato tolto con l'abrogazione dell'art. 177 del precedente 196/2003. Anzi, a ben vedere sono anche più specifiche, in quanto prevedono lo scopo storico (art. 2), mai contemplato in precedenza e spesso motivo di discussione con gli uffici di Stato Civile. Inoltre, ristabiliscono la questione dei settant'anni (art. 10, comma 2).

Dette regole potrebbero anche intaccare l'inossidabile art. 22 della legge Bosetti & Gatti, che viene usata sempre più spesso dagli uffici dell'anagrafe, per negare lo stato di famiglia storico.
lblasi - 30 Dic 2018 - 10:34
Oggetto:
elfobianco ha scritto:
Leggo proprio ora che il Garante per la Privacy si è espresso in merito al codice deontologico per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica, pubblicato in coda al D. Lgs. 101/2018:

Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


In sostanza il Garante ha verificato che il codice deontologico in questione sia conforme al GDPR e ne ufficializza il contenuto.
Il codice sembra avere carattere generale, ma negli artt. 4, 5 e 10 è abbastanza chiaro che l'accesso ai documenti degli archivi storici è tutt'altro che vietato...

Vedremo... Very Happy


Grazie dell'indicazione.
Ho appena riscritto al comune di Bari. Vediamo come si porranno.

Luca
elfobianco - 30 Dic 2018 - 11:06
Oggetto:
Sandime ha scritto:

Queste regole deontologiche restituiranno cià che ci è stato tolto con l'abrogazione dell'art. 177 del precedente 196/2003. Anzi, a ben vedere sono anche più specifiche, in quanto prevedono lo scopo storico (art. 2), mai contemplato in precedenza e spesso motivo di discussione con gli uffici di Stato Civile. Inoltre, ristabiliscono la questione dei settant'anni (art. 10, comma 2).

Dette regole potrebbero anche intaccare l'inossidabile art. 22 della legge Bosetti & Gatti, che viene usata sempre più spesso dagli uffici dell'anagrafe, per negare lo stato di famiglia storico.


Lo spero vivamente. Anche perché lo scopo del Legislatore, quello europeo prima con il GDPR e quello italiano poi nel successivo accoglimento, è quello di tutelare i dati degli interessati secondo norme ben precise, istituendo diritti e doveri rivolti sia agli interessati che ai soggetti titolari dei trattamenti. La Privacy non può diventare certo lo spauracchio da invocare ogni qualvolta ci si voglia svincolare da una corretta interpretazione normativa (per ignoranza o per malafede Smile).

Anche se è chiaro che il GDPR non si applichi ai dati delle persone decedute (considerando n. 27), il legislatore ha voluto lasciar spazio agli stati membri per eventuali norme specifiche per il loro trattamento.

Chi vivrà vedrà... e spererà...

F.
Sandime - 30 Dic 2018 - 11:12
Oggetto:
lblasi ha scritto:
elfobianco ha scritto:
Leggo proprio ora che il Garante per la Privacy si è espresso in merito al codice deontologico per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica, pubblicato in coda al D. Lgs. 101/2018:

Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


In sostanza il Garante ha verificato che il codice deontologico in questione sia conforme al GDPR e ne ufficializza il contenuto.
Il codice sembra avere carattere generale, ma negli artt. 4, 5 e 10 è abbastanza chiaro che l'accesso ai documenti degli archivi storici è tutt'altro che vietato...

Vedremo... Very Happy


Grazie dell'indicazione.
Ho appena riscritto al comune di Bari. Vediamo come si porranno.

Luca


Probabile che non facciano comunque seguito alla richiesta, in quanto il provvedimento non è ancora stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (oltre ad un tempo non definito, affinché venga recepito a suon di circolari interne).
Sandime - 30 Dic 2018 - 12:04
Oggetto:
Tra l'altro...

Le copie (integrali) dello Stato Civile (tribunale), per lo stesso Comune di Bari (fino al 1900), sono state rese pubbliche da antenati/org. Ovvero dal Sistema Archivistico Nazionale, nato da un accordo tra il Ministro per i beni e le attività culturali e oltre ad altri (anche) con il Presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Per cui (a prescindere dalla distinzione d'ufficio) non si capisce perchè per lo stesso atto del 1899 (per dire), istituzionalmente reso pubblico, del quale abbisogno di copia integrale certificata, quest'ultima mi venga bellamente rifiutata, per la (per carità, legittima) mancanza dell'interesse personale a fini di tutela di una situazione giuridicamente rilevante". E a seguire, per gli anni successivi.

Ad ogni modo, l'allegato delle Regole deontologiche del Garante della Privacy, mi fa ben sperare.
alexlavopa - 11 Gen 2019 - 10:04
Oggetto:
Non conoscevo questo documento del garante della privacy, ma che valenza ha? Cioè come si può forzare il legislatore a prendere posizione in tal senso?

L'abrogazione dell'art. 177 del precedente 196/2003 rende i documenti dello stato civile praticamente incomunicabili ed inaccessibili, il che è evidentemente un'assurdità.

Anche io ho avuto a che fare col comune di Bari, e l'impiegato mi ha detto chiaramente che hanno approfittato del Regolamento privacy per eliminare l'art. 177 (che con la privacy c'entra ben poco visto che gli stessi documenti sono consultabili su fs) per ragioni pratiche, ovvero perchè erano costretti ad effettuare molte ricerche di carattere genealogico a fronte di richieste spesso molto vaghe.

E io lo capisco pure, ma devono operare diversamente, non so ad esempio prevedendo un costo per il servizio di ricerca, ma inviando gratuitamente gli estratti integrali a fronte di una richiesta precisa.

In alternativa, e secondo me sarebbe la via più corretta, gli archivi di stato dovrebbero farsi carico obbligatoriamente di questo patrimonio documentario.
Gli atti dello stato civile sono archivi pubblici e dunque accessibili a tutti gratuitamente, sebbene soggetti a limitazioni per le informazioni sensibili che riportano. Si definiscano dei limiti cronologici, ad esempio i famosi 70 anni (ma anche di più!).

Passati i 70 anni gli ads dovrebbero avere l'obbligo di raccogliere e rendere accessibili tali atti (usando i registri del tribunale).

Invece in Italia tutto è fluido, si va sempre ad interpretazioni
elfobianco - 11 Gen 2019 - 10:22
Oggetto:
In realtà, seppure l'art. 177 sia stato abrogato dal D. Lgs. 101/2018, le regole deontologiche allegate al decreto estendono e chiariscono molti degli articoli che sono stati abrogati.
Infatti, nelle "Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica" allegate al decreto, agli artt. 5, 7 e 10, ci sono indicazioni ben precise (del Legislatore, non del Garante, badate bene) su quali sono le modalità di fruizione degli archivi da parte degli interessati.

Il Garante è stato chiamato in causa solo per verificare che tali regole deontologiche rispettassero la normativa Europea in materia di trattamento dei dati, così come previsto dal GDPR.

Ma dalla normativa all'applicazione, si sa, ce ne passa...
lblasi - 12 Gen 2019 - 09:46
Oggetto:
Sandime ha scritto:
lblasi ha scritto:
elfobianco ha scritto:
Leggo proprio ora che il Garante per la Privacy si è espresso in merito al codice deontologico per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica, pubblicato in coda al D. Lgs. 101/2018:

Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


In sostanza il Garante ha verificato che il codice deontologico in questione sia conforme al GDPR e ne ufficializza il contenuto.
Il codice sembra avere carattere generale, ma negli artt. 4, 5 e 10 è abbastanza chiaro che l'accesso ai documenti degli archivi storici è tutt'altro che vietato...

Vedremo... Very Happy


Grazie dell'indicazione.
Ho appena riscritto al comune di Bari. Vediamo come si porranno.

Luca


Probabile che non facciano comunque seguito alla richiesta, in quanto il provvedimento non è ancora stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (oltre ad un tempo non definito, affinché venga recepito a suon di circolari interne).


In effetti ad oggi ancora nessuna risposta..
Sandime - 12 Gen 2019 - 13:59
Oggetto:
A parte il progetto "Antenati", la SAN ecc.

I suddetti codici deontologici esistono dal 2001. Erano già presenti nella 196/2003 ex 675/1996 (Capo IV – Norme Finali, art. 185); sono richiamati dall’art. 16 della 101/2018 e una volta verificate le conformità, verranno debitamente reinseriti nella stessa 101.

Quindi hanno ragione quelli che dicono che detti codici deontologici non colmano il vuoto legislativo dell’abrogato art. 177 (196/2003) ma è proprio la mancanza di una nuova legge (o articolo ad hoc) per la disciplina anagrafica dello stato civile che potrebbe, di fatto, rendere attuativi i suddetti codici, una volta pubblicati sulla GU (con valenza dispositiva).

Le "Regole deontologiche ... per scopi di ricerca storica ...", all'allegato 1, affermano che (Capo I/Art. 1/Comma 2): "le ... regole riguardano i trattamenti di dati personali effettuati per scopi storici in relazione ai documenti conservati presso archivi delle pubbliche amministrazioni, enti pubblici e che (Capo III/Art. 10/Comma 2) "i documenti relativi alla salute ovvero alla vita o all’orientamento sessuale oppure (a) rapporti riservati di tipo familiare, divengono liberamente consultabili settanta anni dalla loro data".

Messa così, mi stai dicendo che (con le dovute precauzioni) già potrei consultare un atto presente in un registro di Stato Civile, per un interesse di carattere storico ma la questione è che non puoi ufficializzare una linea guida per il trattamento dei dati già acquisiti, se prima non mi dai (o ripristini) uno strumento legislativo che mi permetta di acquisirli.
Sandime - 16 Gen 2019 - 08:49
Oggetto:
Pubblicate in GU (Serie Generale n.12 del 15-01-2019) le Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica.
mmogno - 16 Gen 2019 - 14:29
Oggetto:
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

alexlavopa - 16 Gen 2019 - 18:38
Oggetto:
ottima notizia! Proprio adesso un ufficiale di stato civile mi ha detto che ha trovato i documenti da me richiesti ma vuole sapere il motivo della mia richiesta.

Risponderò ricerca storica, vediamo dove va a parare.

Se mi cita l'abrogazione dell'art. 177 come posso rispondere esattamente citando la publicazione in GU delle Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica?

Qualcuno che mastichi la giurisprudenza meglio di me puà darmi un consiglio?
Sandime - 17 Gen 2019 - 16:03
Oggetto:
alexlavopa ha scritto:
ottima notizia! Proprio adesso un ufficiale di stato civile mi ha detto che ha trovato i documenti da me richiesti ma vuole sapere il motivo della mia richiesta.

Risponderò ricerca storica, vediamo dove va a parare.

Se mi cita l'abrogazione dell'art. 177 come posso rispondere esattamente citando la publicazione in GU delle Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica?

Qualcuno che mastichi la giurisprudenza meglio di me puà darmi un consiglio?


Chiediglielo ai sensi dell'art. 107 del DPR 396/2000, specificando che il tuo "legittimo interesse" è la conoscenza, ai fini di ricerca storica, dei dati altrimenti non accertabili dall'estratto (di cui l'art. 106), nel rispetto delle Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica, applicato alla Legge 101/2018 e pubblicato nella GU: Serie Generale n.12 del 15-01-2019.
Miguel - 03 Feb 2019 - 22:09
Oggetto:
Proprio in questi giorni ho chiesto al comune di Bitetto ( Ba ) il rilascio di una copia integrale di un atto di morte del 1945 ; non ho ancora ricevuto risposta . Vi aggiornerò i prossimi giorni sull'esito della mia richiesta anche se penso che nel mio caso trattandosi di un atto di morte non dovrei aver problemi .
pacola - 08 Feb 2019 - 18:26
Oggetto:
Buonasera, dovrei fare una richiesta di estratto al Comune di Napoli. Prima dell’approvazione della nuova legge l’Ufficio di Stato Civile rispondeva con regolarità, ora invece non ho ricevuto alcuna risposta e sul sito del Comune si legge “Alla base di ogni richiesta rivolta ad una pubblica amministrazione vi deve essere un interesse degno di tutela giuridica e tale concetto è stato codificato dalla legge n. 241/1990”.
A questo punto vorrei inoltrare la richiesta come suggerito motivandola con una “ricerca storica” o con una “ricostruzione dell’asse ereditario”. In tale caso è necessaria la marca da bollo? Ringrazio in anticipo per le risposte
Sandime - 08 Feb 2019 - 21:03
Oggetto:
pacola ha scritto:
Buonasera, dovrei fare una richiesta di estratto al Comune di Napoli. Prima dell’approvazione della nuova legge l’Ufficio di Stato Civile rispondeva con regolarità, ora invece non ho ricevuto alcuna risposta e sul sito del Comune si legge “Alla base di ogni richiesta rivolta ad una pubblica amministrazione vi deve essere un interesse degno di tutela giuridica e tale concetto è stato codificato dalla legge n. 241/1990”.
A questo punto vorrei inoltrare la richiesta come suggerito motivandola con una “ricerca storica” o con una “ricostruzione dell’asse ereditario”. In tale caso è necessaria la marca da bollo? Ringrazio in anticipo per le risposte


L'estratto di un atto di Stato Civile esula dalla Bosetti/Gatti (241/1990), va richiesto in base all'art. 106 del DPR 396/2000 ed è esente da bollo.
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by PNphpBB2 1.2f © 2003-2004 basato su phpBB 21.2f © 2001, 2002 phpBB Group
e da PNTheme 1.2 che usa i temi Grafici di Daz
e da Attachment-Mod 2.3.6