TuttoGenealogia.it

Suggerimenti e proposte - Antichi mestieri

Gianlu - 14 Mag 2007 - 09:15
Oggetto: Antichi mestieri
Visto che facendo ricerche genealogiche si incontrano spesso gli antichi mestieri, perché non creare anche un archivio su questi?
Sarebbe l'occasione per ampliare le nostre conoscenze su quello che facevano i nostri antenati.
aida - 15 Mag 2007 - 21:59
Oggetto:
Che bella idea , io ci sto! Che dice il padrone di casa?
Amministratore - 15 Mag 2007 - 22:49
Oggetto:
Dipende da cosa avevate in mente, Gianlu, pensavi a qualcosa tipo il database dei "Cognomi Italiani" o un forum dedicato appositamente ai lavori di un tempo.
Per avere una certa utilità dovrebbe contenere informazioni utili al ricercatore tipo:
Nome mestiere
Origine della definizione del termine
Corrispondente latino del termine
Luogo dove era svolto o come era conosciuto nelle varie zone d'Italia
Descrizione del tipo di mestiere

Tempo fa era stata proposta una simile iniziativa per i pesi e misure ma creare un database per queste cose significherebbe, praticamente, dare vita a un'enciclopedia con evidente mole di lavoro di dubbio interesse generale in quanto oramai su internet trovi di tutto e già pronto come ad esempio Wikipedia.

Comunque ogni proposta è sempre interessante e ben accetta, sentiamo quindi cosa avevate in mente e cosa ne pensano anche gli altri.
Ciao
Gianlu - 16 Mag 2007 - 09:01
Oggetto: Antichi mestieri
Intanto grazie per la risposta.
Concretamente non saprei nemmeno io esattamente come poterlo impostare.
Io sto cercando di scoprire cosa faceva (all'inizio dell'800) e chi era un "minuzzatore" e in rete non ho trovato niente.
Se ci fosse tra gli utenti del sito qualcuno che ha già incontrato questo lavoro ci si potrebbe scambiare le informazioni.
Per i dettagli tecnici ci si può pensare con calma; io pensavo ad una cosa tipo i "Cognomi italiani".
Ciao a tutti.
aida - 29 Lug 2007 - 16:55
Oggetto:
Tempo addietro ho visto delle info a proposito del mestiere di Minuzzatore su internet: sembra che sia quella figura contadina che si occupava di preparare i campi incolti per la "produzione". Cioè oltre a rimuovere alberi ed erbacce, toglieva tutti gli ostacoli presenti nel terreno da seminare: cioè radici, grossi sassi, massi,ecc.
Però in alcuni casi il Minuzzatore viene indicato come colui che sminuzzava carta e stoffa per il macero. Vista la data in cui viveva il tuo antenato propenderei per la prima ipotesi, ma bisogna anche vedere che tipo di economia c'era dove viveva. Spero di averti dato una mano ,ciao!
claudegen - 14 Ago 2007 - 12:00
Oggetto:
Salve, solitamente avere un dizionario "vecchio" aiuta molto in questi casi. Nelle mie ricerche, mi sono imbattuta in due mestieri a me sconosciuti e consultando uno dei miei dizionari del 1976 ho scoperto che il beccaio altro non è che il macellaio, mentre per il mestiere di arcaro, non ho trovato nulla!Ma ho dedotto che dovesse derivare da arca (=cassa) dove si riponevano varie cose tra cui sacchi di grano,provviste, pane, vestiti, ecc.
Ciao!!
Claude
Gianlu - 14 Ago 2007 - 12:50
Oggetto:
Cara Claude,
grazie per le informazioni. Nel tuo dizionario c'è anche il minuzzatore?
Il mio antenato che era "minuzzatore" era anche beccaio (cioè macellaio), credo contemporaneamente. Mi resta da capire cosa minuzzava il minuzzatore. Forse minuzzava la carne?
Ciao
Gianlu
claudegen - 14 Ago 2007 - 14:07
Oggetto:
Mi spiace Gianlu, la parola "minuzzatore" non c'è. C'è "minuzzaglia" = minutaglia= insieme di cose minute o di gente di modeste condizioni; insieme di piccoli pesci adatti ad essere fritti.
Certo che ... dalla carne si passa pian paino al pesce!!!
Wink
Giovanna Maria - 15 Ago 2007 - 00:11
Oggetto:
Non so se può essere utile ma nella mia città esiste una via della Beccheria, nella quale un tempo erano molte botteghe di macellai. proverò a cercare notizie sulla via ed eventuali sminuzzatori.

Ciao Giovanna
stef - 17 Ago 2007 - 09:55
Oggetto:
Non so se può essere utile alla discussione.
Ho acquistato tempo fa un dizionario del 1838 il quale cita la parola "Minuzzatore" come colui che prepara la "minuzzata" e la "minuzzata" erano "fronde minute che spargonsi in terra per le feste".
L'arcaro è invece "chi fa o vende archi"-
Carlo, - 18 Ago 2007 - 15:59
Oggetto:
Non so se hai trovato che mestiere fosse il minuzzatore, ma penso che derivi da minuzzare, e se i tuoi parenti erano macellai; minuzzare deriva da tritare, tritatori di carne bovina o simile.
Ciao. Question
stef - 19 Ago 2007 - 11:59
Oggetto:
Cercando più approfonditamete "minuzzatore" come mestiere e non come termine letterario ho trovato in un vocabolario veneziano italiano di Ermolao Poletti del 1851
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

che "beccaio" (macellaio) e "minuzzador" erano la stessa cosa.
Per il discorso del mestiere di "arcaro" cercando su internet ho trovato
"che potrebbe derivare da un vocabolo sardo arca (cassapanca) probabilmente ad indicare la professione di mastro falegname" mentre in un altro sito ho trovato
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

dove si dice "Arischiese, è divenuto nel tempo sinomino di arcaro, mestiere faticoso e antico del quale questa popolazione è maestra, avendo fatto del faggio per secoli l’unica sua fonte di sostentamento".
Ciao
claudegen - 19 Ago 2007 - 18:13
Oggetto:
Grazie Stef! A tal proposito c'è un interessante libro edito dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga "L'arca. Una storia, un'arte" in cui l'autore ripercorre appunto attraverso fonti e documenti storici l'evoluzione di questo oggetto nella terra di Chiarino e Arischia e ne ripronpone anche vari disegni per poterlo "costruire" ed intagliare .
Ancora:
in un atto del 1811 mi sono imbattuta nella professione di TACCARO (sicura di aver decifrato bene la calligrafia!). Credo debba riferirsi a TACCA in quanto un tempo era assai diffusa fra contadini analfabeti l'abitudine di servirsi di tacche (dette tacche di contrassegno) incise su un regolo di legno come sistema di registrazione dei debiti e crediti esistenti tra essi e il proprietario del fondo.
Mentre in un altro atto del 1851, leggo LANARO (= probabilmente lanaiolo).
ciao a tutti.
claudegen - 19 Ago 2007 - 18:17
Oggetto:
Ops! Scusa Stef, ho visto il sito
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!
dopo aver risposto.
che dire?! il libro l'avevo comprato tempo fa!!
Gianlu - 20 Ago 2007 - 08:08
Oggetto:
Ringrazio tutti per la partecipazione, anche perché dalla ricerca di un mestiere si è poi arrivati ad altri due o tre.
Molte grazie a Stef per il vocabolario, grazie al quale ho scoperto che il minuzzatore ed il beccaio (macellaio) erano la stessa cosa.
xicato - 21 Ago 2007 - 05:58
Oggetto:
A Venezia in dialetto non si dice "beccaio" (macellaio) ma becher e si usa molto ancora questo termine .... almeno da chi ha un po' di anni!

xicato
aida - 23 Ago 2007 - 17:15
Oggetto:
In Toscana Beccaio per Macellaio è sempre stata voce comune,
un pò come il Trombaio, che non è una parolaccia , ma nient'altro che l'Idraulico!
bigtortolo - 01 Gen 2015 - 09:37
Oggetto: Re: Antichi mestieri
Gianlu ha scritto:
Visto che facendo ricerche genealogiche si incontrano spesso gli antichi mestieri, perché non creare anche un archivio su questi?
Sarebbe l'occasione per ampliare le nostre conoscenze su quello che facevano i nostri antenati.


Esulta Gianlu!
Dopo sette anni forse sarai esaudito.
Stavo spostando discussioni e ti ho riesumato.
pietrosalpa - 01 Gen 2015 - 11:24
Oggetto:
Per Gianlu: io ho trovato un mignattaio a Genova, ossia un raccoglitore di sanguisughe.
aquilegia2011 - 01 Gen 2015 - 11:43
Oggetto:
Un mio parente - fratello di un quadrisavolo - era astatore dell'esercito (borbonico). Secondo MdeChamfort, trattasi del controllore degli acquisti compiuti per conto dei reggimenti, un supervisore delle transazioni compiute. Il figlio, residente a Napoli, era invece un postiere dei Reali Lotti e, successivamente, prenditore di lotti, suppongo equivalente a ricevitore del lotto. Non so però se postiere e prenditore siano sinonimi.
clermont - 01 Gen 2015 - 13:06
Oggetto:
aquilegia2011 ha scritto:
Non so però se postiere e prenditore siano sinonimi.


Teoricamente no, sul un vocabolario del 19° secolo postiere è definito "chi tiene i cavalli della posta", mentre prenditore era appunto chi riceveva le giocate. Magari però a Napoli erano sinonimi (oppure il tuo antenato aveva fatto carriera) Smile
ciao
MdeChamfort1 - 01 Gen 2015 - 13:14
Oggetto:
Credo che "postiere dei Reali Lotti" nulla abbia a che vedere con la posta dei cavalli, ma con la posta (quantità di denaro) puntata al Lotto, e quindi, come pensava Aquilegia, designerebbe chi riceve la posta, le giocate e in tal senso sinonimo di prenditore.
pietrosalpa - 01 Gen 2015 - 14:20
Oggetto:
Professioni trovate indicizzando Genova, Stato Civile Italiano: pulitrice d'oro - accenditore del gas - intagliatore - mignattaio - causidico - marionettista - chiattaiuolo - accorda cembali - cuoiaio - misuratore da grano - dragomanno - girovaga
bigtortolo - 01 Gen 2015 - 15:30
Oggetto:
Bene ragazzi, continuate a inviare qui mestieri o qualifiche trovati nelle carte, possibilmente indicando con certezza in cosa consistesse.
Al momento siamo a 135 voci in volgare e italiano, tutte con descrizione più o meno ampia, a seconda dei casi.
Volevamo omettere i vocaboli "parlanti", cioè quelli tipo: Misuratore/pesatore del grano - Camisaro - Formaggiaro - Salcizzaro etc., ma già che ci siamo mettiamo tutto.

Tratteremo a parte i vocaboli veneziani, dei quali Ziadani ha fornito un ricco link.

Ciao
V.
gianantonio_pisati - 01 Gen 2015 - 15:56
Oggetto:
Nelle cascine erano presenti vari mestieri:

il fittabile: era colui che aveva preso in affitto dal padrone (solitamente nobili o enti ecclesiastici) una cascina ed il relativo fondo e si comportava come il padrone, pagando a quest'ultimo un affitto annuo. Il contratto di solito durava 9 anni, ma ci sono anche contratti da 5 o 3 anni. Nel '600-'700 i fittabili erano gente benestante, diremmo alta borghesia, quella che poi si sarebbe arricchita nell'800 con le industrie lattero-casearie o comprando i fondi, in Lombardia, in seguito alle soppressioni degli enti ecclesiastici volute da Giuseppe II o da Napoleone.

il fattore: diremmo il direttore dei lavori che faceva da intermediario tra il padrone della cascina (o il fittabile) e del fondo agricolo con i contadini

il cavallante: colui che era addetto alla cura del bestiame equino

il porcaro: colui che era addetto alla cura dei maiali

il bifolco: colui che era addetto alla cura dei bovini

il mugnaio: sappiamo tutti Wink

il magnano: era colui che saldava le pentole (mestiere itinerante)

il fabbro era detto anche "fabbro ferraio"

il marangone: falegname (o "fabbro lignaio")

il bracciante: manovale addetto ai lavori nei campi (mietere, seminare, ecc.)

il "d'acquatore" (traslitterato dal mio dialetto lodigiano) era l'addetto alla gestione delle chiaviche e dei fossi per l'irrigazione dei campi.

Spero di non averne dimenticati. Questi sono comunque i principali operanti nelle cascine.
pietrosalpa - 03 Gen 2015 - 10:36
Oggetto:
Riprendo le professioni che avevo postato con relativa spiegazione trovata in rete.

il mignattaio: Chi raccoglieva, vendeva o applicava le mignatte (sanguisughe) a scopo terapeutico

il causidico: Chi difendeva qlcu. in giudizio senza essere avvocato (e qua c'è la curiosità che la professione su wikipedia e su Treccani viene indicata come medievale, mentre se ne trovano molti in atti parte seconda di Genova a fine 1800)

il dragomanno: Traduttore, interprete

Il chiattaiuolo: Ho trovato spiegazioni diverse. Può essere chi conduce o lavora sulle chiatte, ma anche chi scarica merci dalle navi
tiriki - 03 Gen 2015 - 10:57
Oggetto:
Un mio antenato era vermicellaio nell'800.
Vermicellaio = Pastaio
pietrosalpa - 03 Gen 2015 - 11:11
Oggetto:
Ancor oggi l'Istat chiede di rispondere alla domanda sulla professione nel modo più preciso possibile in caso di censimenti o indagini statistiche. Ma pervade tra la gente una generalizzazione che di professione nulla ha che vedere, come "imprenditore", "libero professionista"...
Che belle le vecchie descrizioni, pulitrice d'oro, accenditore del gas, casellante ferroviario...
ArmataSarda - 03 Gen 2015 - 11:23
Oggetto:
Provo a contribuire con uno riscontrato su datati documenti piemontesi:

Mastro del Muro: Un poco più di un muratore, de facto una sorta di capo cantiere che, pur non avendo studiato ma forte unicamente di lunga esperienza professionale, poteva sostituire la figura del geometra nell'edilizia. Era un poco un muratore veterano.
granmario46 - 03 Gen 2015 - 12:33
Oggetto:
"Cofinaio", siciliano, sta per cestaio e deriva da "cufinu"(cesto). "Raccoglitore di foglie".....boh!!! Questo non è esattamente un mestiere Shocked ma lo trascrivo per come è :" Moglie del barbiere" Very Happy
aquilegia2011 - 03 Gen 2015 - 14:21
Oggetto:
Siamo nel 1810 a Ca' Bianca di Chioggia e Francesco fa il cannavolo. Raccoglitore o venditore di canne...oppure entrambe le attività?
bigtortolo - 03 Gen 2015 - 15:37
Oggetto:
Bene, aggiungo le novità.
Siamo arrivati a 157 tra mestieri e qualifiche, con definizioni certe dei termini elencati.
ery1 - 09 Gen 2015 - 00:21
Oggetto:
Questi sono alcuni mestieri che ho trovato nel corso delle mie ricerche nella Toscana dell'800:

barrocciajo = chi conduce il barroccio, cioè un veicolo a due ruote

calzettaja = chi lavora o rammenda calzette

campanajo = campanaro, chi suona le campane

canapino = chi lavora o pettina la canapa

cantoniere = operaio a cui è affidata la sorveglianza e la manutenzione di un tratto di strada ordinaria o ferrata

carrajo = artigiano che fabbrica carri

cartajo = operaio che attende ai processi per la fabbricazione a mano o a macchina della carta e del cartone

cherico = chierico

cocchiere = chi guida per mestiere una carrozza a cavalli

cursore = corriere, ufficiale o messo che notifica atti pubblici

fiascajo = chi vende o chi riveste i fiaschi (ad es. con erbe palustri come il sarello)

filatora = filatrice, chi provvede, a mano o a macchina, alla filatura e ritorcitura delle fibre tessili

garzone = uomo assunto per aiuto nel lavoro dei campi

incannatrice di seta = operaia tessile addetta all'incannatura della seta

legnojolo = falegname

livellare = contadino in cui favore veniva disposta la concessione di una terra dietro il pagamento di un fitto, cioè un canone annuo in denaro o in derrate

macellaro = macellaio

materassaja = chi, per mestiere, fa o mette a nuovo materassi

mezzadro = coltivatore che divede col proprietario di terreni i prodotti e gli utili di un'azienda agricola (podere)

misuragrano

navicellajo = barcaiolo, colui che guida il navicello, la barca tipica del fiume Arno

pigionale = fittavolo, contadino che ha in affitto un podere

sagrestano = custode della chiesa nonché colui che coadiuva il sacerdote in vari compiti pratici


sartore = sarto

sellajo = artigiano che fabbrica, monta o ripara, a mano o a macchina, articoli di selleria


setajola = chi lavora la seta in un setificio o chi la vende

scardazzino = cardatore di lana o di altra fibra tessile

sotto-agente = agente di beni

stampatore = operaio addetto alle operazioni di stampa o stampaggio

straccino = su richiesta dei proprietari svuotava cantine e solai o ritirava oggetti spesso ingombranti. Recuperava i metalli più richiesti, come rame, ottone, alluminio, ferro e vecchie riviste, stoffe o pelli e pagava i proprietari in base alla merce che raccoglieva.

tessandola = tessitrice

tintore = chi tinge fibre tessili, tessuti o pelli

trecciajola = operaia che lavora a fare trecce di paglia per la fabbricazione di cappelli

vinajolo = chi coltiva la vigna.


Erica
Giovanna Maria - 09 Gen 2015 - 00:31
Oggetto:
Bene, grazie Erica! Come puoi vedere qui
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!
è stato già pubblicato un primo articolo in merito, ma certamente si terranno in conto i tuoi suggerimenti per gli aggiornamenti futuri!
pietrosalpa - 11 Gen 2015 - 11:01
Oggetto:
ho appena trovato una nuova professione, ma non c'è riscontro su Google. è "Martinettiere"

Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

Kaharot - 11 Gen 2015 - 15:48
Oggetto:
Sicuramente era qualcuno che faceva martinetti, ma bisognerebbe capire che tipo di martinetti erano, perché il martinetto è un ingranaggio per tendere la balestra o una specie di cric oppure un utensile idraulico.
Kaharot - 11 Gen 2015 - 15:52
Oggetto:
Kaharot ha scritto:
Sicuramente era qualcuno che produceva (o usava) martinetti, ma bisognerebbe capire che tipo di martinetti erano, perché il martinetto è un ingranaggio per tendere la balestra o una specie di cric oppure un utensile idraulico.

pietrosalpa - 25 Gen 2015 - 11:37
Oggetto:
atti di nascita di due gemelli, fine 1800.
Nel primo la professione del padre è berbiere, in quello seguente è "Barbitonsore"!
Alegir - 26 Gen 2015 - 23:56
Oggetto:
Aggiungo:

caneparino, canepino, gargiolaio, garzolaro: cordaio, artigiano specializzato nella pettinatura della fibra di canapa con graffi metallici e nella perfetta ripulitura da residue parti legnose.

mondatore, vagliatore: operaio che con il setaccio separa il grano dalla crusca (o altri materiali es. sabbia)

pulitrice o purgatrice di bavella/bavetta: operaia addetta alla pulitura dei fili dei bozzoli del baco da seta

pettinaio: che costruisce i pettini

solfanaio/solfanajo: rigattiere

gastaldo o castaldo: fattore , anche ammnistratore dei beni di una famiglia o di un monastero

vetturale: conduttore di veicoli trainati da animali
viviesse - 27 Gen 2015 - 10:41
Oggetto:
aquilegia2011 ha scritto:
Siamo nel 1810 a Ca' Bianca di Chioggia e Francesco fa il cannavolo. Raccoglitore o venditore di canne...oppure entrambe le attività?

Sicuro che non si tratti di "cannarolo"?, in veneziano canariol. Secondo il dizionario dei termini veneziani del Boerio, il canariol era sia colui che raccoglieva le canne palustri, sia chi le vendeva in città dove venivano utilizzate "per uso di fuoco".
aquilegia2011 - 27 Gen 2015 - 11:28
Oggetto:
Ciao. L'ufficiale dello Stato Civile scriveva in modo pressochè uguale la r e la v. Per il termine in questione, la lettera mi era sembrata più simile alla v. Dato che però esiste il vocabolo "cannarolo" nel dizionario del Boerio, quest'ultima sarà senz'altro l'ipotesi più probabile.
Fidelio - 15 Feb 2015 - 11:47
Oggetto:
Salve,io ho incontrato spesso la professione di Camale , non ho trovato nulla in rete ma suppongo derivi da "camallare" , cioè un Camale sarebbe un Facchino.

Poi ....
Crivellatore : operaio di vario genere oppure un minatore
Marinaro: credo che intenda più un pescatore che un marinaio
Sartore: sarto
Fonditore (di rame) : uno che fonde i metalli
Cocchiero : modo diverso di scrivere cocchiere
Campagnolo: credo sia un semplice contadino

vedro di scriverne altri...
pietrosalpa - 15 Feb 2015 - 12:35
Oggetto:
Ancora oggi a Genova i Camalli sono gli scaricatori di porto.

In riviera ligure marinaro e pescatore si trovano entrambi negli atti, penso che almeno dalle mie parti marinaro non sia inteso anche come pescatore. Anche negli atti napoleonici si trova "marin" e "pecheur".
Nonostante la lontananza (Genova e Catania) è più probabile avere vocaboli in comune che con località più vicine, ma lontane dal mare... (il mare ci unisce, non divide!)
Alegir - 15 Feb 2015 - 17:03
Oggetto:
Recentemente ho trovato anche:

moletta: arrotino

flabotomista o flebotomista: colui che pratica salassi

salnitraro: colui che estrae e lavora il salnitro.
Fidelio - 15 Feb 2015 - 20:13
Oggetto:
pietrosalpa ha scritto:
Ancora oggi a Genova i Camalli sono gli scaricatori di porto.

In riviera ligure marinaro e pescatore si trovano entrambi negli atti, penso che almeno dalle mie parti marinaro non sia inteso anche come pescatore. Anche negli atti napoleonici si trova "marin" e "pecheur".
Nonostante la lontananza (Genova e Catania) è più probabile avere vocaboli in comune che con località più vicine, ma lontane dal mare... (il mare ci unisce, non divide!)


Facendo ricerche su una parte della mia genealogia catanese che ha abitato da sempre davanti ad un porto , dove tutti per generazioni hanno fatto i pescatori, mi è sembrato di capire che prima della metà del800 , il termine marinaio non esisteva ma c'èra marinaro.

I miei antenati erano sempre descritti sia come "marinari" che come pescatori, ma dopo la metà del800 il termine "marinaio" venne sostituito da marinaio , nonostante fossero sempre umili pescatori .

Perciò suppongo che "marinaro" voglia dire marinaio ma in passato sia stato un termine un po generico per descrivere un uomo di mare.

-----
Ho trovato 2 professioni di cui sconosco il significato;

- Acconditore di fanali (?)
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


- Calcarajo
pietrosalpa - 15 Feb 2015 - 21:35
Oggetto:
sì probabilmente per uomo di mare si intendevano anche i pescatori!

L'accenditore di fanali, a Genova ho trovato accenditore del gas, era quello che accendeva i lampioni "...è mezzanotte e tutto va bene..."
Alegir - 22 Mar 2015 - 17:06
Oggetto:
Ultimamente ho trovato queste professioni di cui non conosco il significato:
- molletta
- albanista
- pedone
Alegir - 22 Mar 2015 - 18:14
Oggetto:
Mi correggo: molletta o moletta è l'arrotino, quello che non so è il galafase o galafate.
pietrosalpa - 22 Mar 2015 - 21:59
Oggetto:
un tempo i barattoli di terracotta erano chiamati albanelle, forse l'albanista le faceva?
Alegir - 23 Mar 2015 - 18:34
Oggetto:
Non l'avevo mai sentito, in effetti potrebbe essere. Siamo in provincia di Modena nel 1810, sai se fosse un termine diffuso o circoscritto a una determinata area geografica?
pietrosalpa - 23 Mar 2015 - 19:32
Oggetto:
ho guardato su wikipedia ma forse è solo in dialetto ligure.
Sono però sicuro di aver letto su vecchi libri di cucina sia il vocabolo "albanella" sia mettere gli alimenti in "alberello".
Dalle mie parti si chiamano arbanelle... non vorrei averti messo su una strada sbagliata.
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

ery1 - 24 Mar 2015 - 01:00
Oggetto:
Citazione:
quello che non so è il galafase o galafate

Ciao,
il galafase è un maestro, da Google Libri : ""Maestro Nicolò Bordiga galafase de avere adi X setembre lire sete soldi cinque denari 3 per avere refato de novo el schifo di Chastello Vechio eceto el telaro a tute sue spese da fuora la pegola et feramento come partitamente apare..." e "maestro Zoane d'Argenta galafase in guberni"
quindi penso un costruttore / restauratore e guberni credo siano i timoni delle navi.

Erica
Kaharot - 24 Mar 2015 - 08:03
Oggetto:
Considerando che lo "schifo" era una sorta di barchetta a remi e i guberni erano i timoni, possiamo dire che il galafase era un falegname che si occupava di lavori navali.
viviesse - 24 Mar 2015 - 10:54
Oggetto:
Penso che il galafase altro non sia che il calafato che qui
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

viene indicato come maestro d'ascia, ma piu' specificatamente il calafato era quello che si occupava di impermeabilizzare lo scafo inserendo tra doga e doga della stoppa imbevuta di pece (pegola), sia in imbarcazioni nuove sia in imbarcazioni che avevano bisogno di manutenzione.
Io abito a 200 metri da una calle dei calafati che altro non era una stretta via dove esistevano fino agli anni '50 le botteghe di questi artigiani.
ery1 - 07 Mag 2015 - 22:45
Oggetto:
Citazione:
Ultimamente ho trovato queste professioni di cui non conosco il significato:
- molletta
- albanista
- pedone


Ho trovato che il pedone era il corriere che recapitava lettere, pacchi o altro compiendo il tragitto a piedi.

Erica
viviesse - 07 Mag 2015 - 22:59
Oggetto:
Per il molletta o "moleta" direi di guardare qui:
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


Il mestiere era proprio questo: l'affilatore di strumenti da taglio. L'affilatura avveniva tramite una mola a smeriglio. Principalmente era un mestiere itinerante, esercitato cioè porta a porta.
Il pedone l'hai già trovato tu e l'albanista mi sembra una storpiatura di ebanista. Vedi qui:
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

Alegir - 08 Mag 2015 - 11:51
Oggetto:
Anch'io penso possa essere ebanista, infatti avevo trovato questo:
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


Grazie,
Alessandra
77BELLECOMBE - 28 Feb 2016 - 00:51
Oggetto:
Alcuni miei avi siciliani (metà XIX) avevano la seguente professione:

Perriatore (Ita) = U' Pirriaturi (Siciliano) => Tagliatore, modellatore di pietre. Oggigiorno si direbbe piuttosto "spaccapietre".
77BELLECOMBE - 28 Feb 2016 - 13:58
Oggetto:
Ieri sera ho dimenticato:

Ghiaiaiuolo = manovali preposti a recuperare e trasportare la ghiaia del Po'
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!

erborista - 21 Apr 2016 - 10:32
Oggetto:
ciao, mi permetto di inserirmi in questo argomento, scusandomi se non è quello giusto.
C'è la professione dello sposo, che non riesco a decifrare per le cattive condizioni dell'immagine.
Ho provato a vedere i vari elenchi già presenti nel Forum, ma senza risultato.
Dovrebbe essere una professione di un certo livello visto che il soggetto è "don".
Credo che finisca con "...lario".
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


grazie per l'attenzione.
viviesse - 21 Apr 2016 - 10:51
Oggetto:
A me sembra "Proprietario", indicando la condizione più che il mestiere. Anche il padre aveva la stessa professione.
erborista - 21 Apr 2016 - 11:12
Oggetto:
forse ci sono:
Proprietario?
erborista - 21 Apr 2016 - 11:14
Oggetto:
ok,
volevo correggere, ma ho sbagliato tasto
grazie.
bianchini - 04 Giu 2016 - 21:32
Oggetto:
Buonasera a tutti, volevo chiedere un favore il significato del lavoro " vetturale", scritto sull' atto di matrimonio del 1901.
Grazie.

Giovanna
ziadani - 04 Giu 2016 - 22:00
Oggetto:
vetturale[vet-tu-ràle] s.m. = Conduttore di veicoli trainati da animali
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by PNphpBB2 1.2f © 2003-2004 basato su phpBB 21.2f © 2001, 2002 phpBB Group
e da PNTheme 1.2 che usa i temi Grafici di Daz
e da Attachment-Mod 2.3.6