Conosciamoci meglio
     Chi siamo
     Collaboratori

 Forum di ricerca
     Ricerca Antenati in Italia
     Ricerca Antenati all'estero
     Search Italian Ancestors
     Retrouvez vos ancŕtres italiens
     Busqueda antepasados en Italia
     Pesquisa Ancestrais na Itßlia
     Suche nach Italienischen Vorfahren
     Documenti antichi
Supporta anche tu
TuttoGenealogia.it
AleSarge
MauroTrev..
Messina
adasdia
alcas42
alegdansk
dennisang..
giananton..
ziadani


Sei un utente Anonimo. Puoi registrarti gratuitamente cliccando qui
Abbiamo 292 ospiti e 9 iscritti in linea
Siti consigliati
In questa sezione sono raccolti siti ritenuti utili od interessanti per le tue ricerche genealogiche. Se vuoi puoi proporne anche tu. [...]

Inoltre:
Opera in: VENETO
 GIUSTO GABRIELE
Messaggio personale:
ôSe non conosci la storia (...) sei come una foglia che non sa di essere parte di un alberoö. Vu...
Vedi il resto ...
Vuoi aderire anche tu ?


[visite:8757]


[visite:691]


[visite:5444]


[visite:2920]


[visite:5174]


[visite:5261]


[visite:1511]


[visite:5526]


[visite:4533]


[visite:4919]


[visite:1055]


[visite:4966]


[visite:1423]


[visite:9491]


[visite:637]


[visite:4854]


[visite:3380]


[visite:329]


[visite:3326]

Elenco completo
  FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   LoginLogin 




´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐
Nuova discussione   Rispondi
Precedente Versione stampabile Messaggi privati Successivo
Autore Messaggio
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 27 Ago 2016 - 21:03 Rispondi citando Torna in cima

Il DNA della linea paterna dei Brega della zona di Serra San Quirico, nelle marche, (il cromosoma Y, il DNA che si trasmette identico da padre a figlio e che segue il cognome) Ŕ J-z1884 che Ŕ un ramo dell'aplogruppo J1.

Mio padre Ŕ di Serra San Quirico ed ho questo DNA.



L'antenato di tutti quelli che hanno questo SNP Ŕ vissuto 4400 anni fa verosimilmente nella zona che comprende la mesopotamia, il levante o l'anatolia. Non si puo attribuire un gruppo etnico preciso a questo DNA. Potrebbe corrispondere a diverse civilizzazioni come assiri, babilonesi, fenici, etc.

Quindi gli antenati dei Brega di questa zona (Serra San Quirico e dintorni) sono arrivati in Italia nel periodo che va dalla fine dell'etÓ del bronzo fino al medioevo. Potrebbero essere arrivati in Italia nella preistoria, durante l'impero romano o essere venuti piu recentemente, magari da un altra nazione europea.

Sarebbe interessante di conoscere la linea paterna di un Brega lombardo per vedere se si tratta dello stesso cognome.
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 28 Ago 2016 - 10:56 Rispondi citando Torna in cima

Ancora due Brega trovati a Castelletta (Apiro) nello stato civile napoleonico.

1) Francesca Brega, figlia di Biagio Brega, (dovrebbe essere uno dei due Biagio Brega giÓ trovati a Castelletta) contadina, muore il 20/12/1810 nella villa del monsignor Bartolucci ad Albano (Roma).

Quindi dovrebbe essere la figlia di Biagio Brega nato il 15/02/1761 da Giambattista Brega. L'altro Biagio Brega Ŕ troppo giovane.

L'atto Ŕ stato trasmesso dal podestÓ di Albano allo stato civile di Castelleta il 31/12/1810.

2)Nella Casa di Francesco Brega (dovrebbe essere il padre di uno dei due Biagio Brega giÓ trovati a Castelleta) detto Pezzante, nella contrada Pezze intorno a Castelletta (Apiro), muore Beccucci Maria Francesca, moglie di Brega Simone.

Questo Brega Simone dovrebbe quindi essere il fratello di Biagio Brega nato il 13/04/1789 da Francesco Brega. Credo.
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 28 Ago 2016 - 15:26 Rispondi citando Torna in cima

QUINDI, RICAPITOLIAMO PER LA PROVINCIA DI ANCONA: nascono , nella prima metÓ del 1700, Francesco Brega e Giambattista Brega a Castelletta (Apiro). Potrebbero essere fratelli e in questo caso sono probabilmente i figli del primo Brega della Valle dell'Esino.

1) Francesco Brega, detto Pezzante, abitante a contrada Pezze di Castelletta (Apiro) sposa Francesca Giovagnoli di Castelletta. Ha un figlio il 13/04/1789, Biagio Brega detto Pezzante che sposa Sabbatina Cioccio di Serra San Quirico il 29/08/1812. I due hanno un figlio il 28/11/1813, Luigi Domenico Vincenzo Brega. Vivono probabilmente col padre di lui (Francesco) a contrada Pezze di Castelletta.

Nella casa di questo Francesco Brega, il 14/04/1810, muore Maria Francesca Beccucci, moglie di Simone Brega. Questo Simone Brega, quindi, sembrerebbe essere il fratello di Biagio Brega.

2)Giambattista Brega di Castelletta (Apiro), sposa Anna Catarina di Bonaventura. Hanno un figlio il 15/02/1761, Biagio Brega. Biagio Brega sposa prima Maria Giovanna Paladini che muore, e in seconde nozze sposa Maria Chiavelli di Pierosara il 14/12/1809.

C'Ŕ poi un Biagio Brega di anni quarantatre (l'etÓ non coincide con i due Biagio Brega) che il 24/07/1812 compare come testimone di un decesso, Ŕ indicato come consanguineo di terzo grado. Il morto Ŕ Francesco, di anni diciotto, figlio di Biagio Ventura e Maria Giovanna Paladini. (Ma questa Maria Giovanna Paladini Ŕ la prima moglie di Biagio Brega figlio di Giambattista Brega!) L'ufficiale dello stato civile scrive che il ragazzo Ŕ morto in casa del padre Biagio Brega ma poi corregge il cognome e scrive "Ventura". (?)

C'Ŕ poi Francesca Brega che muore il 20/12/1810 ad Albano (Roma). E' figlia di Biagio Brega di Castelletta. (Quale?)

QUESTI SONO TUTTI I BREGA CHE APPAIONO NELLO STATO CIVILE NAPOLEONICO. QUINDI TUTTI I BREGA DELLA VALLE DELL'ESINO DOVREBBERO DISCENDERE DA QUESTI. DEVO ANCORA TERMINARE FABRIANO E ARCEVIA

SE QUALCUNO VUOLE CONSULTARE LO STATO CIVILE ITALIANO DEL 1860 SU INTERNET POTREBBE RICOSTRUIRE IL SUO ALBERO GENEALOGICO MA C'E' UN INTERVALLO DI 45 ANNI TRA LO STATO CIVILE NAPOLEONICO E QUELLO ITALIANO

E' possibile che ce ne fossero degli altri ad Urbino o Pesaro.

QUINDI SE QUALCUNO CHE ABITA NELLA ZONA VUOLE SAPERNE DI PIU SULL'ORIGINE DI QUESTI PRIMI BREGA DOVREBBE RECARSI NELLA PARROCCHIA DI CASTELLETA E VEDERE SE SI POSSONO CONSUTARE GLI ARCHIVI DELLA PARROCCHIA.
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 28 Ago 2016 - 21:45 Rispondi citando Torna in cima

C'Ŕ qualcosa che non va. Il parroco Sforza Ŕ l'ufficiale di stato civile di Castelletta. Ecco cosa risulta dagli atti.
Biagio Brega, nato il 15/02/1761, figlio di Giambattista Brega, sposa Maria Giovanna paladini come Biagio Ventura (?). Ha un figlio, Francesco Ventura, apparentemente nato nel 1794. Maria Giovanna Paladini muore. Tutto questo quando non c'era lo stato civile napoleonico.
Allora Biagio Brega sposa il 14/12/1809 Maria Chiavelli come Biagio Brega e viene registrato nello stato civile napoleonico come vedovo di Maria Giovanna Paladini.
Il 24/07/1812 Biagio Brega appare nello stato civile napoleonico come testimone di un decesso, dell'etÓ di anni quarantatre, (l'etÓ non corrisponde) dove figura come parente di terzo grado. (?) Muore Francesco Ventura, figlio di Biagio Ventura e di Maria Giovanna Paladini, (?) in casa del suo genitore Biagio Brega (?). Poi, il parroco Sforza cancella il cognome Brega e lo sostituisce con Ventura. (?)

Sembrerebbe che abbiano fatto qualche trucco.
Profilo Messaggio privato
Marco47
Livello1
Livello1


Registrato: 21 Ago 2011
Messaggi: 17

Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1¬ donazione 2019]
Messaggio   Inviato: 28 Ago 2016 - 23:08 Rispondi citando Torna in cima

Ciao Patrizio, premesso che come hanno giÓ scritto i maestri Daniela e Luca, la ricerca genealogica richiede metodo e si basa esclusivamente su documenti e non su ipotesi o si dice, nel tuo specifico e sulla possibile origine lombarda del tuo cognome, voglio ricordare che nella Vallesina, tra la fine del '400 e la prima metÓ del '50, c'Ŕ stata una importante immigrazione lombarda. Nuclei particolarmente numerosi di lombardi, si stabilirono a Santa Maria Nuova, Serra San Quirico, Monteroberto, la stessa Iesi dove esiste ancora una via detta costa dei Lombardi. Meno significativa, almeno nell'alta Valle Ŕ stata invece l'immigrazione dei balcanici,comunque presente.

Tieni comunque conto che anche nella campagna anconetana esiste la parola dialettale "brega", con la quale i contadini indicavano la metÓ o un quarto della canna tagliata verticalmente ed utilizzata per la costruzioni dei cesti (o canestri). In realtÓ la parola dialettale completa Ŕ "brega d' canna".
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 29 Ago 2016 - 00:27 Rispondi citando Torna in cima

Grazie. Sembrerebbe in effetti che fossero oltre agli schiavoni e agli albanesi, anche i Lombardi a ripopolare le campagne lungo l'Esino dopo la peste del 1400. Non lo sapevo. In effetti sono stati invitati a venire con dei bandi. Cerchero di informarmi meglio.

Quindi l'ipotesi di un origine lombarda diventa infine plausibile. Tutti i Brega dell'interno erano concentrati a Castelletta dal 1808 al 1814. (Napoleone) Non resta che sperare que qualcuno si rechi alla parrocchia per investigare.

Conosco il mio dna ma confrontarlo con un brega lombardo non Ŕ infallibile. Bisogna tener conto delle infedeltÓ e delle adozioni. Il dna puo cambiare.
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 29 Ago 2016 - 19:51 Rispondi citando Torna in cima

Ho trovato un documento antico su google libri. Si spiega che a Santa Maria Nuova, nel 1473, alla fine della peste, sono stati scacciati gli immigrati albanesi che la gente non amava (????) ed Ŕ stato pubblicato un bando offrendo parcelle di terra gratuitamente ai Lombardi. 400 famiglie di lombardi sono arrivati a Santa Maria Nuova. Gli furono accordati diversi privilegi ma avevano l'obbigazione di abitare all'interno del Castello di Santa Maria Nuova.
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!


In altri documenti si parla anche di lombardi a Monsano dal 1471. Ce n'erano altri anche a Jesi. Purtroppo per queste zone lo stato civile napoleonico non Ŕ disponibile. Si parla anche di altri lombardi sparsi in diversi castelli della Vallesina.
Profilo Messaggio privato
Marco47
Livello1
Livello1


Registrato: 21 Ago 2011
Messaggi: 17

Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1¬ donazione 2019]
Messaggio   Inviato: 30 Ago 2016 - 08:48 Rispondi citando Torna in cima

patrizio22 ha scritto:
Ho trovato un documento antico su google libri. Si spiega che a Santa Maria Nuova, nel 1473, alla fine della peste, sono stati scacciati gli immigrati albanesi che la gente non amava (????) ed Ŕ stato pubblicato un bando offrendo parcelle di terra gratuitamente ai Lombardi. 400 famiglie di lombardi sono arrivati a Santa Maria Nuova. Gli furono accordati diversi privilegi ma avevano l'obbigazione di abitare all'interno del Castello di Santa Maria Nuova.
Contenuto visibile agli Utenti registrati!
Registrati o esegui il Login!




In altri documenti si parla anche di lombardi a Monsano dal 1471. Ce n'erano altri anche a Jesi. Purtroppo per queste zone lo stato civile napoleonico non Ŕ disponibile. Si parla anche di altri lombardi sparsi in diversi castelli della Vallesina.


Nella Sede municipale di Santa Maria Nova, Ŕ apposta una lapide che ricorda l'immigrazione lombarda (la lapide parla di genti del lombardo_veneto).
Comunque l'immigrazione lombarda nella Media Valle dell'Esino deve essere stata numericamente significativa se, ancora negli anni '50 mio nonno, nato alla Foce dell'Esino, quando aveva a che fare una persona dai capelli biondi diceva: "cu sai d' Jesi? P'rchŔ a Jesi enn' tutti biondi!"* . In Lombardia, prima dell'immigrazione del '900 la componente nordica/longobarda, era ancora era molto forte.

traduzione : tu sei di Jesi? PerchŔ a Jesi sono tutti biondi.
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 30 Ago 2016 - 12:42 Rispondi citando Torna in cima

Purtroppo gli archivi disponibili online sono solo quelli dell'archivio di stato di macerata per la valle dell'esino. Gli archivi napoleonici disponibili coprono la zona che va da fabriano a montecarotto e sono quelli che ho verificato. Manca la zona di jesi e di falconara. In generale mancano i registri dello stato civile di ancona.

In effetti, spulciando i registri, ho notato molti cognomi originari della lombardia e del veneto ma non ne comprendevo la ragione. Ci sono anche molti cognomi di origine ebraica perchŔ ancona aveva una delle piu grosse comunitÓ. I cognomi di origine slava non sono riconoscibili tranne schiavoni o albanesi, etc. In generale, credo che per gli slavi il cognome traesse origine dal nome del padre.Gli slavi sono stati accusati di aver portato la peste e ci sono state molte tensioni, soprattuto con gli albanesi. C'erano, comunque, nella vallesina, molte chiese dedicate ai fedeli dei balcani.

Quindi sembra che nel 1500 ci sono state tre immigrazioni nella valle dell'esino. Quella dei lombardi nel centro della vallesina. Quella dei rifugiati slavi e degli albanesi. Quella dei rifugiati ebraici iberici proveniente probabilmente da ancona. Gli ebrei, all'inizio vivevano probabilmente nelle cittadine piu grandi dove erano mercanti, banchieri, etc.

Dove hai trovato riferimenti a immigrati lombardi a Serra San Quirico? Su internet non ho trovato nulla.
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 30 Ago 2016 - 19:12 Rispondi citando Torna in cima

Facendo una ricerca per nomi nello stato civile italiano ottengo dei risultati nella provincia di pesaro e urbino. Ci sono dei Brega a Sant'Angelo in Vado, Urbania e Urbino alla fine del 1800. (Ci sono anche dei Bregarucci a Fermignano e Urbino e degli Sbrega a Isola di Fano)

RICAPITOLANDO: Stato civile napoleonico: Dei Brega contadini a Castelleta dall'inizio del 1700. Stato civile italiano: dei Brega a Sant'Angelo in Vado, Urbania e Urbino alla fine del 1800 (non c'Ŕ quello napoleonico). Su google libri: Un Angelo Brega notabile a Camerata Picena nel 1835 che sembra diventare Angelo Zoppi Brega nel 1851 e un Brega a Sant'Angelo in Vado nel 1845 (Il padre dell'architetto Giuseppe Brega)

Quindi: Un nucleo ad Urbino, uno nella gola della Rossa a Castelletta, e una persona a Camerata ma per quella zona manca lo stato civile.
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 30 Ago 2016 - 20:59 Rispondi citando Torna in cima

Da google libri:
Nel 1849, quando Garibaldi si trovava nel montefeltro, Un certo Giustino Brega, calzolaio di Sant'Angelo in Vado (Urbino), denunci˛ agli Austriaci di avere in casa un ufficiale garibaldino e quest'ultimo fu fucilato.

Oggi nell'elenco del telefono non ci sono piu Brega a Pesaro ed Urbino. (?)
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 30 Ago 2016 - 22:23 Rispondi citando Torna in cima

Per quanto riguarda il Metauro, quindi gli Sbrega di Isola di Fano, i Brega di Urbino, Urbania, Sant'Angelo in Vado, i Bregarucci di Fermignano e Urbino (oggi non sembrano esserci piu Brega nella zona):

Da un libro tedesco sui dialetti delle marche, alcune parole dal Metauro, dovrebbero derivare da lingue celte o germaniche:

breka > brega, breguccia (pezzo da catasta, pezzo),
sbregh (sbrano), sbreghe (spaccare)

C'Ŕ anche un testo sulla storia di Urbino che parla dell'influenza dei galli:

(a questi Galli dobbiamo le parole: Apsa, braghe, benna, brega, bui˛l, ecc.)
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 31 Ago 2016 - 07:00 Rispondi citando Torna in cima

Dallo stato civile italiano di Pesaro e Urbino, tra le nascite, le coppie seguenti:

Pio Brega e Agostina Pierluigi a Sant'Angelo in Vado
Emanuele Brega e Michela Ruborini a Sant'Angelo in Vado
Francesco Brega e Marianna Ducci a Urbania
Antonio Brega e Angiola Sebastiani a Sant'Angelo in Vado

hanno diversi figli dopo l'unitÓ d'Italia, tra qui l'architetto Giuseppe Brega
Profilo Messaggio privato
bigtortolo
Staff
Staff


Registrato: 14 Nov 2008

Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1¬ donazione 2019]
Messaggio   Inviato: 01 Set 2016 - 14:31 Rispondi citando Torna in cima

Dal Codice diplomatico della lombardia medievale :

1) Carta venditionis, 1144 gennaio, Castello dell'Isola Comacina.

...domini nostri Iesu Christi mill(eximo) cent(eximo) quadragex(imo) quarto, mense iau(ar)i, indic(ione) septima. Constat me Ogerium qui vocor Brega, fil(ius) quondam Iohannis qui vocabatur similiter Brega, de loco Sporiano, qui vivo lege Romana, Loiraco accepisse sicuti et in presentia testium manifestum est m(ih)i quod accepi a te Attone, filio quondam Cuperti, qui vocabatur Peregrinus, de loco Campo sito Insula, argenti denariorum bonorum libras sex, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative pro cunctis casis et omnibus rebus territoriis iuris mei, ...

2) Carta iudicati, [117]6 giugno 2, (Milano), 'in ecclesia Sancte Marie'.

.... denarios tres nove monete cuique ex canonicis ipsius canonice in mane, et ipsi canonici, finita missa, procedant omni anno ad tumulum meum cantando 'usque in vita mea', et quicquid habundaverit a suprascriptis frugibus et vino et ternis denariis sit suprascripti custodis pro brega quam habebit de suprascripto ficto exigendo. Quia sic decrevit mea bona voluntas, pro remedio et mercede anime mee. Actum in suprascripta ecclesia Sancte Marie. Et inde due carte uno tenore fieri rogate sunt. Signum manuum Guerinzonis de Pancia et Oldonis de Vogunzate atque Trussi ...

3) Carta vendicionis, 1139 maggio, Milano

....interrogaverunt et in hanc cartam manus posuerunt. Signum ++++++ manuum Arderici ******, Marchesii Bullii, Guidonis Buzii, Onfredi de Concorezo, Proculini, Cantiani, testium. Ibi statim, presentibus ipsis testibus, dederunt guadiam suprascripti Petrus Pecia et Iohannes et Bellonus germani, pater et filii, eidem Ingelzende abbatisse si aliqua brega vel intentio ei advenerit de suprascripta casa, quod in auctoritate et defensione stare debent ab omni homine contradicente et a coniuge quondam Ottonis, germani suprascriptarum feminarum, cum usu et ratione; et de hoc adimplendo posuerunt fideiussores suprascriptos Frogerium Belindi et Manariam qui dicitur Ferrario, qui obligaverunt...

Nel 1░ caso Ogerio dice di chiamarsi Brega.
Negli altri due "brega" sta per lite, disputa.

_________________
Vittore
Profilo Messaggio privato
patrizio22
Livello1
Livello1


Registrato: 20 Gen 2016
Messaggi: 62

Messaggio   Inviato: 01 Set 2016 - 15:58 Rispondi citando Torna in cima

Sant'Angelo in Vado Ŕ stato sin dal medioevo specializzato nel commercio del legname. E' circondato da boschi. Erano boscaioli, carbonai, e artigiani del legno. Era la loro attivitÓ. Si chiamava una volta Massa Trabaria che significa massa di tronchi. Era anche una zona di estrazione della pietra.

Se i Brega marchigiani non sono di origine lombarda, Ŕ possibile che il cognome derivi dalla lavorazione del legno, da parole in dialetto del metauro derivate dai galli.

breka > brega, breguccia (pezzo da catasta, pezzo),
sbregh (sbrano), sbreghe (spaccare)

Ci sono almeno tre cognomi nella zona di Urbino rche sembrano derivare dalla lavorazione del legno, o magari della pietra. Sbrega, Brega e Bregaruccia.

Secondo me Brega Ŕ originario della zona di Sant'Angelo in Vado, nel Montefeltro ed Ŕ poi arrivato a Castelletta nel parco della gola della rossa, piu al sud, perchŔ anche quella era una zona di boschi e di commercio del legname. Ho trovato dei Brega solo in questi due paesi tra la fine del settecento e i primi dell'ottocento. Non sono due luoghi dove si facesse molta agricoltura, sono zone montagnose. A Castelleta mi sembra ci fossero cave di pietra e commercio del legname.

Effettivamente, c'Ŕ stata nel 1500 una immigrazione di Lombardi a cui Ŕ stata data della terra da coltivare ma queste due zone non sono propizie all'agricoltura. O magari erano dei falegnami lombardi.
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:     
Vai a:  
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Nuova discussione   Rispondi
Precedente Versione stampabile Messaggi privati Successivo



Home Termini d'uso Privacy Contattaci Chi siamo Backend
ę TuttoGenealogia.it Ŕ un dominio registrato
info@tuttogenealogia.it