Conosciamoci meglio
     Chi siamo
     Collaboratori

 Forum di ricerca
     Ricerca Antenati in Italia
     Ricerca Antenati all'estero
     Search Italian Ancestors
     Retrouvez vos ancêtres italiens
     Busqueda antepasados en Italia
     Pesquisa Ancestrais na Itália
     Suche nach Italienischen Vorfahren
     Documenti antichi
Supporta anche tu
TuttoGenealogia.it
AldoBosco
AleSarge
Daniele19..
MauroTrev..
Tegani
antoniosi..
ciganasim..
markob
ziadani


Sei un utente Anonimo. Puoi registrarti gratuitamente cliccando qui
Abbiamo 244 ospiti e 9 iscritti in linea
Siti consigliati
In questa sezione sono raccolti siti ritenuti utili od interessanti per le tue ricerche genealogiche. Se vuoi puoi proporne anche tu. [...]

Inoltre:
Opera in: CALABRIA
 ANDRONACO DANIELE
Messaggio personale:
Appassionato di genealogia, ho ricostruito la storia di tutti i rami della mia famiglia fino al ...
Vedi il resto ...
Vuoi aderire anche tu ?


[visite:8539]


[visite:495]


[visite:5238]


[visite:2747]


[visite:4816]


[visite:4897]


[visite:1140]


[visite:5326]


[visite:4168]


[visite:4750]


[visite:877]


[visite:4613]


[visite:1070]


[visite:9036]


[visite:467]


[visite:4422]


[visite:3217]


[visite:3123]

Elenco completo
  FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   LoginLogin 




Nuova discussione   Rispondi
Precedente Versione stampabile Messaggi privati Successivo
Autore Messaggio
filigio
Visitatore
Visitatore


Registrato: 26 Mar 2017
Messaggi: 39

Messaggio   Inviato: 26 Mar 2017 - 19:53 Rispondi citando Torna in cima

Buongiorno a tutti vorrei avere il vostro aiuto al riguardo della parola "alias," più precisamente quando essa è preceduta da un nome maschile e seguita da uno femminile. Nel mio caso è: FRANCESCO MARIA ALIAS FILIPPETTA. Poi, continuando nelle ricerche, per conto di altre persone, ho trovato un altro caso: FRANCESCO ALIAS TEODORA al che mi fa supporre che questo modo di scrivere non sia casuale, ma che abbia un significato ben preciso o che comunque voglia dire qualcosa, il problema è che non riesco ad immaginare cosa. Tra l'altro, nel caso Filippetta esso è diventato pure cognome: "Filippetti."Un grazie anticipato a tutti coloro che proveranno a risolvere questo mio mistero.
Profilo Messaggio privato
Luca.p
Staff
Staff


Registrato: 13 Nov 2005
Località: Terni
Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1ª donazione 2019]
Messaggio   Inviato: 26 Mar 2017 - 22:03 Rispondi citando Torna in cima

Nel primo caso ti sei risposto/a praticamente da solo/a: alias indicava il soprannome con il quale era conosciuta una persona o a volte un'intera famiglia e capitava non di rado che il soprannome diventasse poi il vero cognome perché era la forma con la quale tutti conoscevano quella determinata persona o famiglia e quello era il modo con il quale il parroco indicava questi individui nelle registrazioni parrocchiali (battesimi, matrimoni e morti) magari inizialmente proprio riportando queste forme con l'annotazione di "alias" ma poi, con il consolidarsi di quelle forme nel corso del tempo l'alias veniva omesso e il soprannome restava a mo' di cognome.
Profilo Messaggio privato Invia email
filigio
Visitatore
Visitatore


Registrato: 26 Mar 2017
Messaggi: 39

Messaggio   Inviato: 29 Mar 2017 - 10:36 Rispondi citando Torna in cima

Ok per la spiegazione dell' "alias," ma nel mio post chiedevo soprattutto se qualcuno è a conoscenza di un qualche motivo per cui ad una persona di sesso maschile viene attribuito un soprannome al femminile. Poiché questo fatto mi è capitato di vederlo più volte mi viene da pensare che ci si potrebbe ricavare qualche informazione aggiuntiva sull'antenato (es: figlio di ragazza madre, idea assurda vista l'epoca ed il numero degli esposti, però rende l'idea di quello che voglio dire. Spero di essermi spiegato). Grazie
Profilo Messaggio privato
aquilegia2011
Livello4
Livello4


Registrato: 03 Feb 2012
Messaggi: 760

Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1ª donazione 2019]
Messaggio   Inviato: 29 Mar 2017 - 11:20 Rispondi citando Torna in cima

Ciao, io posso solo citarti la mia esperienza, quindi non si tratta certo di un principio generale: ad Agnone (oggi in provincia di Isernia), luogo d'origine dei miei avi, i cognomi si sono "stabilizzati" nella seconda metà del 1600. In precedenza gli individui a volte erano indicati negli atti con il cognome della madre, spesso declinato al femminile. Un alias che può essere il nome/cognome della madre è quindi un 'ipotesi forse ardita, ma da non scartare completamente. Cito anche un altro caso, antecedente: il capostipite della famiglia Apollonio, di origine istriana, ma con un ramo trasferitosi ad Agnone, si chiamava Polonius de Qualica, e Qualica era la madre (quaglietta).

_________________
Sono Giulia e svolgo le mie ricerche qui: Isernia, Napoli, Caserta, Gaeta, Palermo, Messina, Roma, Firenze, Arezzo, Isola d'Elba, Perugia, Macerata, Ancona, Milano, Como, Bergamo, Lugano/Svizzera, Pirano/Istria
Profilo Messaggio privato
filigio
Visitatore
Visitatore


Registrato: 26 Mar 2017
Messaggi: 39

Messaggio   Inviato: 29 Mar 2017 - 20:06 Rispondi citando Torna in cima

Purtroppo in entrambi i casi citati nel post iniziale la ricerca termina con l'individuo "detentore" dell'alias, quindi non potendo acquisire i suoi antenati non posso nemmeno capire se quel soprannome derivi dal nome proprio di una madre, di una nonna o, comunque, di una figura femminile importante per quella famiglia. Il fatto è che in mio cognome (Filippetti) deriva da questo evento, sono ad un passo per scriverne l'origine ma non posso perché non so chi sia questa ipotetica "Filippa" o "Filippetta." Ecco spiegato il motivo di questa mia richiesta. Resto in attesa di altri interventi che magari mi illuminino. Grazie a tutti.
Profilo Messaggio privato
Luca.p
Staff
Staff


Registrato: 13 Nov 2005
Località: Terni
Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1ª donazione 2019]
Messaggio   Inviato: 29 Mar 2017 - 22:20 Rispondi citando Torna in cima

Interrotte perché? Non ci sono più i registri dei battesimi?
Prova con gli Stati delle Anime, vedi se ci sono gli acta matrimonialia, cerca nei notarili, prova nei catasti antichi, nelle riformanze del Comune, insomma prima di arrenderti provale tutte.
Profilo Messaggio privato Invia email
filigio
Visitatore
Visitatore


Registrato: 26 Mar 2017
Messaggi: 39

Messaggio   Inviato: 30 Mar 2017 - 08:49 Rispondi citando Torna in cima

La "sfortuna" sta nel fatto che in questa chiesa, vuoi per aver subito varie "visite notturne," vuoi che le cose più vecchie (e stiamo parlando dalla fine del 1600 e indietro) sono state trascurate e spesso riutilizzate dai parroci successivi, mancano una buona quantità di libri antichi. Mettiamoci poi che, per la lontananza di un notaio il parroco poteva farne le veci, anche tutto il materiale notarile (compravendite, contratti matrimoniali e testamenti) ha subito la stessa sorte. Il catasto è un aspetto che non ho considerato e non so (ma non credo) se facesse parte della dotazione di quella chiesa. Ecco una buona idea! Grazie mille e se ce ne fossero altre benvengano...
Profilo Messaggio privato
Luca.p
Staff
Staff


Registrato: 13 Nov 2005
Località: Terni
Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1ª donazione 2019]
Messaggio   Inviato: 30 Mar 2017 - 09:43 Rispondi citando Torna in cima

Sui notai ti sbagli. Quando il Parroco faceva le funzioni di notaio, affinché il documento potesse avere valore doveva portarne copia in cancelleria per la registrazione, quindi all'archivio notarile ci sono sicuramente atti rogati nel tuo paese. Stesso discorso per gli acta matrimonialia che, se conservati, non sono in parrocchia ma in archivio diocesano, come spesso avviene anche per le copie degli Stati delle Anime. I catasti poi non c'entrano niente con la parrocchia.
Profilo Messaggio privato Invia email
Luca.p
Staff
Staff


Registrato: 13 Nov 2005
Località: Terni
Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1ª donazione 2019]
Messaggio   Inviato: 30 Mar 2017 - 09:45 Rispondi citando Torna in cima

E poi c'è il fondo del tribunale ecclesiastico, che non è da escludere a priori visto che sotto processo ci si poteva finire per un'infinità di motivi.
Profilo Messaggio privato Invia email
filigio
Visitatore
Visitatore


Registrato: 26 Mar 2017
Messaggi: 39

Messaggio   Inviato: 01 Apr 2017 - 08:58 Rispondi citando Torna in cima

Sul tribunale ho già guardato, ed è stata una soddisfazione immensa, ho ritrovato una vicenda che mi ha permesso di scoprire anche la personalità di un mio quadrisavolo vissuto ai primi del 1800. La visita al tribunale è una cosa che consiglio a tutti spassionatamente perché se si ha la fortuna di trovarci qualcosa si fanno delle scoperte eccezionali. Sui notai non lo sapevo, ecco una nuova possibilità... Grazie.
Profilo Messaggio privato
giulio76
Livello5
Livello5


Registrato: 13 Lug 2013
Messaggi: 1046

Messaggio   Inviato: 01 Apr 2017 - 10:48 Rispondi citando Torna in cima

ciao sono incuriosito dalla questione del "tribunale" qualcuno può spiegarmi un po meglio che magari potrebbe essermi utile per alcuni rami dove sono arenato tipo uno dove sono arrivato negli anni tra il 1500 ma in parrocchia non ce piu nulla e con i notai non riesco ancora a capire chi in quel periodo lo facesse in quel paese e quindi il tribunale può tornarmi utile.
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:     
Vai a:  
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Nuova discussione   Rispondi
Precedente Versione stampabile Messaggi privati Successivo



Home Termini d'uso Privacy Contattaci Chi siamo Backend
© TuttoGenealogia.it è un dominio registrato
info@tuttogenealogia.it