Conosciamoci meglio
     Chi siamo
     Collaboratori

 Forum di ricerca
     Ricerca Antenati in Italia
     Ricerca Antenati all'estero
     Search Italian Ancestors
     Retrouvez vos ancêtres italiens
     Busqueda antepasados en Italia
     Pesquisa Ancestrais na Itália
     Suche nach Italienischen Vorfahren
     Documenti antichi
Supporta anche tu
TuttoGenealogia.it
LLUCIO
MamyClo
Tobiolo
dgionco
edoardomu..
ery1
mariocap
mmogno
reddarky
tarragona
zane997
ziadani


Sei un utente Anonimo. Puoi registrarti gratuitamente cliccando qui
Abbiamo 255 ospiti e 12 iscritti in linea
Siti consigliati
In questa sezione sono raccolti siti ritenuti utili od interessanti per le tue ricerche genealogiche. Se vuoi puoi proporne anche tu. [...]

Inoltre:
Opera in: TUTTA ITALIA
 BROCCOLI MICHELE
Messaggio personale:
Michele Broccoli, Direttore dello Studio Broccoli,giornalista pubblicista è inoltre Perito in Scr...
Vedi il resto ...
Vuoi aderire anche tu ?


[visite:7851]


[visite:2235]


[visite:4520]


[visite:2221]


[visite:4273]


[visite:4361]


[visite:504]


[visite:248]


[visite:4016]


[visite:2110]


[visite:4577]


[visite:3538]


[visite:4140]


[visite:228]


[visite:390]


[visite:4005]


[visite:442]


[visite:8079]


[visite:3719]


[visite:2679]


[visite:2293]


[visite:2157]


[visite:2508]

Elenco completo
  FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   LoginLogin 




Nuova discussione   Rispondi
Precedente Versione stampabile Messaggi privati Successivo
Autore Messaggio
michele1986
Visitatore
Visitatore


Registrato: 16 Giu 2012
Messaggi: 18

Messaggio   Inviato: 18 Giu 2017 - 11:25 Rispondi citando Torna in cima

buongiorno colleghi! Volevo chiedervi questo: quando consultate gli atti di nascita e di morte dei registri di stato civile dei lontani antenati e collaterali del 1800 e del 1900 e trovate la dicitura nell’atto di nascita (esempio dell’anno 1890): “nella casa posta in Roncaglia al numero Venti è nato un bambino di sesso maschile che non mi presenta…” oppure in quello di morte (esempio del 1912): “nella casa posta in via Fabbrica al numero trentaquattro è morta...” voi come interpretate questi indirizzi di nascita e di morte? negli anni del 1800 e del 1900 le persone nascevano tutte sempre a casa dei genitori e morivano tutte sempre a casa propria o poteva essere che quando si verificava il fatto si trovassero anche a casa di qualcun altro tipo dei vicini di casa, di un parente? Attendo risposte da voi, grazie come sempre.
Profilo Messaggio privato
ziadani
Amministratore
Amministratore


Registrato: 09 Ago 2011
Località: Torino
Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1ª donazione 2017]
Messaggio   Inviato: 18 Giu 2017 - 11:55 Rispondi citando Torna in cima

Non è detto, anche se normalmente era così.
Gli atti di Stato Civile, oltre all'indirizzo, in genere non fornivano ulteriori indicazioni. Non era importante sapere se la nascita o il decesso erano avvenuti in casa dei genitori o in casa propria, importante era l'indirizzo.
Diverso è per i Registri Canonici dove mi è capitato di trovare anche l'indicazione relativa al proprietario di casa (nato in casa di .......; morto in casa di .........).

Anche gli ospedali venivano indicati con l'indirizzo (morto nella casa posta in Via .......... al numero ....... ) salvo notare che la comunicazione è stata effettuata dal Direttore del civico spedale o altre diciture simili.

_________________
Daniela<Liliana 1926<Emmelina 1896< Emma 1862<Elisabetta 1820<Giacomina 1798<Santa 1761<Giacomina 1740 ca
Daniela<Andrea 1929< Arnaldo 1892<Giovanni 1857<Lorenzo 1827<Giulio 1804<Luigi 1770<Giulio 1723< Domenico 1703 Giulio 1661<Giulio 1614<Domenico 1590< Giulio 1570
Profilo Messaggio privato Invia email
erborista
Livello1
Livello1


Registrato: 10 Giu 2013
Messaggi: 177

Messaggio   Inviato: 18 Giu 2017 - 12:09 Rispondi citando Torna in cima

buongiorno,
in base alle mie ricerche, per quanto riguarda gli Atti di morte, non sempre l'evento succedeva in casa. A volte era presa per buona la dichiarazione dei testimoni. A volte era l'impiegato che andava nella sede del decesso e lo scriveva sull'Atto "ci siamo noi recati presso ...ed abbiamo accertato che...".

per gli Atti di mascita, quando il nato non veniva presentato, valeva quanto dichiarato dal dichiarante, avallato dai testimoni.
Attendiamo altri pareri...
Profilo Messaggio privato
aquilegia2011
Livello3
Livello3


Registrato: 03 Feb 2012
Messaggi: 701

Sostenitore di TuttoGenealogia.it [1ª donazione 2017]
Messaggio   Inviato: 18 Giu 2017 - 13:33 Rispondi citando Torna in cima

Per quanto riguarda gli atti di morte dello Stato Civile di Napoli - periodo della restaurazione - (ma la stessa procedura l'ho riscontrata anche a Palermo), oltre all'indirizzo, era indicato se l'evento era avvenuto presso l'abitazione del defunto o presso l'abitazione di un altro soggetto, specificando di solito il nome dello stesso e spesso anche il rapporto intercorrente tra i due (fratello, cognata ecc.). Le persone che potevano permettersi le cure di un medico privato di solito morivano presso il proprio domicilio, i meno abbienti presso i vari ospedali civili. Il più importante era l'Ospedale degli Incurabili - funzionante tuttora - e l'atto dello Stato Civile segnalava chiaramente che era il luogo ove era avvenuto il decesso. Una curiosità: sembra che si chiami Ospedale degli Incurabili non perchè fosse destinato ai casi senza speranza, ma proprio perchè accoglieva le persone...incurabili a casa loro. Anche l'Ospedale Maggiore Ca' Granda di Milano, fondato nel 1456, era aperto alle persone indigenti, e persino alle partorienti in condizioni disagiate; quindi anche nel 1800 i figli di molte di queste donne nascevano presso una struttura pubblica.

_________________
Sono Giulia e svolgo le mie ricerche qui: Isernia, Napoli, Caserta, Gaeta, Palermo, Messina, Roma, Firenze, Arezzo, Isola d'Elba, Perugia, Macerata, Ancona, Milano, Como, Bergamo, Lugano/Svizzera, Pirano/Istria
Profilo Messaggio privato
gaspaol
Livello1
Livello1


Registrato: 01 Nov 2016
Messaggi: 81

Messaggio   Inviato: 19 Giu 2017 - 07:25 Rispondi citando Torna in cima

Si, negli atti di stato civile italiano di fine '800 è solo indicato l'indirizzo e quelli tendono ad essere relativamente standardizzati.
Per gli atti precedenti la situazione è molto più varia. A volte sono indicati via, numero civico, proprietario, a volte solo il proprietario e il comune di residenza, ecc.
Come detto da ziadani, generalmente succedeva come dicevi tu michele.
Mi è capitato spesso però di trovare nascite in casa dei nonni o degli zii, oppure morti di adulti in case diverse dalla propria. Inoltre talvolta, magari per una morte improvvisa durante uno spostamento o per altri motivi, si trovano decessi di persone senza connessione familiare col proprietario della casa con domicilio in un altro comune.
In breve...l'eccezione è sempre dietro l'angolo
Profilo Messaggio privato Homepage
Mostra prima i messaggi di:     
Vai a:  
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Nuova discussione   Rispondi
Precedente Versione stampabile Messaggi privati Successivo



Home Termini d'uso Privacy Contattaci Chi siamo Backend
© TuttoGenealogia.it è un dominio registrato
info@tuttogenealogia.it