Conosciamoci meglio
     Chi siamo
     Collaboratori

 Forum di ricerca
     Ricerca Antenati in Italia
     Ricerca Antenati all'estero
     Search Italian Ancestors
     Retrouvez vos ancŕtres italiens
     Busqueda antepasados en Italia
     Pesquisa Ancestrais na Itßlia
     Suche nach Italienischen Vorfahren
     Documenti antichi
Supporta anche tu
TuttoGenealogia.it
Bigmolla
FPRF
Jfk105
LUIGIRUSS..
Luca.p
Pemmi
adasdia
aleb
camilarom..
gaspaol
libero7
mariocap
mattiap
mmogno
steboss
ziadani


Sei un utente Anonimo. Puoi registrarti gratuitamente cliccando qui
Abbiamo 316 ospiti e 16 iscritti in linea
Siti consigliati
In questa sezione sono raccolti siti ritenuti utili od interessanti per le tue ricerche genealogiche. Se vuoi puoi proporne anche tu. [...]

Inoltre:
Opera in: EMILIA-ROMAGNA
 BONDI ALESSANDRO
Messaggio personale:
Sono un genealogista professionista dal 1994. ho ricostruito la storia della mia famiglia fino al...
Vedi il resto ...
Vuoi aderire anche tu ?


[visite:8759]


[visite:692]


[visite:5446]


[visite:2922]


[visite:5180]


[visite:5267]


[visite:1517]


[visite:5527]


[visite:4538]


[visite:4920]


[visite:1057]


[visite:4971]


[visite:1428]


[visite:9497]


[visite:638]


[visite:4859]


[visite:3381]


[visite:334]


[visite:3328]

Elenco completo
  FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   LoginLogin 




´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐´╗┐
Nuova discussione   Rispondi
Precedente Versione stampabile Messaggi privati Successivo
Autore Messaggio
Junker
Livello1
Livello1


Registrato: 08 Gen 2013
Messaggi: 240

Messaggio   Inviato: 20 Lug 2019 - 11:06 Rispondi citando Torna in cima

Vorrei condividere con voi quanto trovato intorno ad una famiglia nell'anno 1878... mi sembra interessante:

Il "capostipite" muore nel 1855 e lascia questi figli:

- Eurosia, nata nel 1838;
- Annunciata, nata nel 1840;
- Giovanni, nato nel 1842;
- Giuseppe, nato nel 1844;
- Giovanni Battista, nato nel 1846;
- Luigi, nato nel 1854.

La madre dei figli Ŕ ancora viva nel 1878 e presenzia alla stesura delle pubblicazioni matrimoniali di ogni figlio.

Orbene, spinto dalla curiositÓ, ho letto tutti i documenti presentati per le pubblicazioni e ho trovato per il solo figlio Luigi il certificato di miserabilitÓ.

Che cosa pu˛ voler dire?

Secondo me, gli altri figli erano tutti indipendenti e lavoravano (e vivevano) per conto loro nel Comune. L'ultimo, invece, viveva ancora con la madre fino alla data del matrimonio nel 1878 e, in quanto orfano di padre, rappresentavano un nucleo miserabile.
Profilo Messaggio privato Homepage
Kaharot
Moderatore
Moderatore


Registrato: 24 Giu 2012
Messaggi: 2004

Messaggio   Inviato: 20 Lug 2019 - 13:00 Rispondi citando Torna in cima

A volte era anche un modo per evitare le tasse, bastava conoscere le giuste persone (un po' come oggi). Considera che nel 1878 questo Luigi aveva 23 anni e non lavorare a 23 anni in quell'epoca era praticamente impossibile, a meno che Luigi non fosse invalido o disabile, ma, in quel caso, non si sarebbe certo sposato.
Quindi penso che le sue condizioni finanziarie non differivano molto da quelle degli altri fratelli. Inoltre all'epoca tutti vivevano in casa dei genitori fino al matrimonio, sia maschi che femmine, erano rari i casi di figli che abitavano fuori dal nucleo familiare. Forse una possibile spiegazione potrebbe stare nel fatto che, mentre quando si spos˛ Giuseppe, c'erano in casa 3 maschi e quindi 6 braccia per il lavoro, quando si spos˛ Luigi c'era solo lui e, quindi, gli introiti erano decisamente minori.

_________________
La memoria Ŕ la porta indispensabile per entrare nel futuro!
K.
Profilo Messaggio privato
alegdansk
Livello2
Livello2


Registrato: 27 Feb 2018
Messaggi: 252
LocalitÓ: Danzica
Messaggio   Inviato: 20 Lug 2019 - 16:27 Rispondi citando Torna in cima

...sottolineo che un invalido, fino a prova contraria, pu˛ sposarsi.
Profilo Messaggio privato
Kaharot
Moderatore
Moderatore


Registrato: 24 Giu 2012
Messaggi: 2004

Messaggio   Inviato: 20 Lug 2019 - 16:54 Rispondi citando Torna in cima

E io sottolineo che, come si evince dai verbi, parlavo del passato e nel passato un invalido non poteva lavorare e non percepiva nessuna pensione per cui quale ragazza lo avrebbe sposato sapendo di essere condannata alla miseria? e soprattutto quale famiglia avrebbe dato in sposa la propria figlia a una persona che in quel tempo avrebbe solo potuto fare il mendicante?
Bisogna leggere bene prima di fare un intervento simile!

_________________
La memoria Ŕ la porta indispensabile per entrare nel futuro!
K.
Profilo Messaggio privato
alegdansk
Livello2
Livello2


Registrato: 27 Feb 2018
Messaggi: 252
LocalitÓ: Danzica
Messaggio   Inviato: 20 Lug 2019 - 17:21 Rispondi citando Torna in cima

Concordo, ma non puoi darlo per scontato.
Profilo Messaggio privato
Kaharot
Moderatore
Moderatore


Registrato: 24 Giu 2012
Messaggi: 2004

Messaggio   Inviato: 20 Lug 2019 - 21:55 Rispondi citando Torna in cima

Se non Ŕ il 100% dei casi, Ŕ il 99,9% considerando che nel caso dei sordomuti (come venivano definiti allora) c'era qualche possibilitÓ in pi¨ di sposarsi, perchÚ comunque erano abili al lavoro manuale, ma per coloro che avevano disabilitÓ fisiche quali paralisi o menomazioni era proprio socialmente impossibile, significava condannare se stessi e le altre persone (moglie, figli) a una vita di miseria ed emarginazione.
Sicuramente con le categorie odierne Ŕ brutto fare un discorso del genere, ma prima era cosý, la previdenza sociale Ŕ cosa molto recente, specialmente in Italia, tanto che la mentalitÓ emarginante del disabile/handicappato Ŕ stata superata solo da qualche decennio. Io stesso ho conosciuto famiglie che hanno tenuto chiusi in casa i figli disabili non permettendo loro alcuna emancipazione.
Altri tempi, altre mentalitÓ, che oggi sono impensabili ma all'epoca erano assolutamente normali.

_________________
La memoria Ŕ la porta indispensabile per entrare nel futuro!
K.
Profilo Messaggio privato
Junker
Livello1
Livello1


Registrato: 08 Gen 2013
Messaggi: 240

Messaggio   Inviato: 21 Lug 2019 - 10:11 Rispondi citando Torna in cima

Vi ringrazio tutti per le risposte.

In effetti, avevo pensato anch'io ad una persona con invaliditÓ, inizialmente. Tuttavia, ho controllato le liste di leva di ogni individuo maschio di quella famiglia: tutti sono stati giudicati abili alla prima chiamata.

A partire, poi, dai fogli matricolari, hanno tutti fatto il loro servizio militare con onore e per il periodo completo previsto. La cosa curiosa Ŕ questa: i fratelli maggiori di Luigi sono tutti analfabeti, mentre Luigi non solo Ŕ alfabetizzato, ma appartiene ad una minoranza di persone che sanno leggere e scrivere senza problemi. Infatti, nelle liste di leva di quel periodo si distingueva tra analfabeti, coloro che sanno leggere e scrivere poco, coloro che sanno o solo leggere o solo scrivere, e chi sa scrivere e leggere. La stragrande maggioranza Ŕ ancora analfabeta completa, quasi nessuno sa leggere oppure scrivere (escludendo l'una o l'altra), pochissimi sanno leggere e scrivere poco e ancor meno sanno leggere e scrivere.
Profilo Messaggio privato Homepage
Mostra prima i messaggi di:     
Vai a:  
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Nuova discussione   Rispondi
Precedente Versione stampabile Messaggi privati Successivo



Home Termini d'uso Privacy Contattaci Chi siamo Backend
ę TuttoGenealogia.it Ŕ un dominio registrato
info@tuttogenealogia.it