Lessico Medievale di attività, cariche e condizioni sociali.

di Vittore Tortolone.

  • Abreviator: canonico scrittore dei “brevi” papali - «scriptor et abreviator literarum apostolicarum»

  • Afaytatator: fittavolo

  • Affaitator: cuoiaio - «Statutum est quod quilibet caligarius seu affaitator [...], teneatur facere tomairam totam de uno coiro, seu de una pelle»

  • Albarius: sbiancatore di panni

  • Aldius: uomo semilibero nato da servo e donna libera

  • Amasia/amaxia: concubina

  • Ambaxator: ambasciatore

  • Ancilla: donna di condizione servile

  • Antistes: capo dei sacerdoti, abate, vescovo

  • Apothecarius: magazziniere, bottegaio

  • Archator: arciere

  • Arimannus: soldato longobardo a cavallo («miles») o appiedato («pedes») al quale in contropartita per il servizio militare prestato venivano concesse terre demaniali

  • Armiger: armigero

  • Armurerius: armiere

  • Aromatarius: profumiere/speziale

  • Arrotator: affilatore di lame

  • Artifex: artigiano, ad es. «artifex gladiorum», «artifex machinarum et campanarum»

  • Asinarius: asinaio

  • Assaiator monete: assaggiatore di monete

  • Batitor bombacis: battitore di cotone

  • Assessor: consigliere

  • Aurifex: orafo

  • Baccellarius: studente

  • Balabanus: soldato-schiavo del sultano d’Egitto

  • Balistarius: balestriere

  • Bancherius: banchiere

  • Baratarius: gestore di banco da gioco

  • Barberius: barbiere

  • Barbitonsor: barbiere

  • Barigellus: era il nome attribuito al capitano militare incaricato di mantenere l'ordine durante i periodi di rivolta

  • Basclacerius: biscazziere

  • Bastarolus: estimatore della quantità di cereali registrata dal notaio negli estimi; colui che materialmente alzava il «basto» per pesare

  • Batilanus: battilana

  • Becarius: macellaio

  • Berberius: pastore

  • Bergerius: custode di ovini

  • Beroverius: chi faceva il mestiere delle armi per denaro; sbirro, uomo armato assegnato ai priori per l’esecuzione degli ordini, o che i podestà, i bargelli, i capitani del popolo portavano con sé quando si recavano a esercitare la loro carica in un comune

  • Bidellus: responsabile delle botteghe («stationes librorum») dove gli universitari («scholares») potevano prendere in prestito i testi modello («exemplaria») approvati dall’università e le copie («pecie») fedeli e garantite dei testi oggetto di insegnamento; i bidelli esercitavano talvolta anche i mestieri di cartolaio, miniatore, copista o di estimatore di libri

  • Birretarius: fabbricatore di copricapi

  • Bizochus: uomo o donna che, pur restando allo stato laico, si dedicava a una vita di stampo religioso, con o senza il voto di castità e povertà, recitando assidue preghiere per protesta contro il lusso del clero

  • Blanquerius: cuoiaio

  • Bocalarius: fabbricatore di boccali

  • Bombarderius: bombardiere

  • Bombaxarius: cotoniere

  • Boquerius: macellaio

  • Bordelerius: ruffiano, lenone

  • Botalarius: bottaio

  • Bovarolius: bovaro

  • Brazentus: bracciante

  • Brentator: addetto al trasporto del vino per mezzo della brenta

  • Bubulcus: bifolco, lavoratore provvisto di buoi e aratro

  • Buccellarius: armato al servizio dei grandi proprietari terrieri (da «buccella», il pane biscottato di cui veniva nutrito)

  • Budellarius: lavoratore di budella

  • Bufo: buffone, giullare

  • Burselarius: fabbricatore di borse

  • Calafatus: artigiano che impermeabilizzava il fasciame delle imbarcazioni

  • Calderarius: calderaio

  • Caligarius: calzolaio

  • Camerarius: camerlengo, amministratore

  • Camparius: guardia campestre

  • Candelarius: fabbricatore di candele

  • Canevarius: tesoriere (del Comune, del collegio dei notai etc)

  • Cantor: cantore, musico

  • Canzelarius: cancelliere

  • Capellarius: fabbricatore di cappelli

  • Capistrarius: sellaio, costruttore di finimenti per cavallli e buoi

  • Capitaneus: vassallo maggiore del vescovo, capo militare, governatore distrettuale

  • Carbonarius: carbonaio

  • Carpentarius: carpentiere

  • Cartarius: venditore di carta

  • Carzator: cardatore

  • Casearius: formaggiaio

  • Casindus: addetto alla custodia dei palazzi regi

  • Castellanus: custode del castello o della rocca

  • Catecumenus: colui che riceve la prima istruzione in vista del battesimo

  • Cauponarius: taverniere

  • Cavagnarius: cestaio

  • Cavalarius: cavallante

  • Cebrarius: costruttore di mastelli

  • Cellarius: addetto alla dispensa nei conventi

  • Cerarius: chi fa o vende cera

  • Cercator: inquisitore, anche cercatore di miniere

  • Cerdo: calzolaio

  • Cerretanus: «Circulatores, qui fabulas canendo aut agendo, populum ad se alliciunt, ut nummos ab eorum crumenis arte blanda educant» - ciarlatani i quali, cantando o illustrando favole, attirano a sè il popolo, come, con arte invitante, fanno uscire i quattrini dai loro borsellini

  • Cimator: cimatore, colui che rasa il pelo di pelli e panni

  • Cintragus: banditore del Comune

  • Cinzellarius: cesellatore

  • Ciroycus: chirurgo

  • Clapucius: costruttore di paioli

  • Clavanderius: chiavaio

  • Clavarius: tesoriere

  • Cloaterius: chiodaiolo

  • Clocarius: campanaro

  • Clodarolus: punzonatore di pesi, bilance e recipienti - «Vicarius dicte vallis teneatur et debeat in primo mense sui officii vel semel in anno bullare quaslibet mensuras, stateras, bullos, pensos, clodos, starias ... »

  • Cochus: cuciniere

  • Coffinarius: cestaio

  • Collateralis: giudice che accompagna il podestà o i magistrati

  • Colonus: contadino di condizione servile (fino all’emancipazione dei rustici), poi concessionario di terre per le quali cedeva al padrone una quota del raccolto e forniva altre prestazioni gratuite

  • Computator: calcolatore degli introiti delle tasse

  • Conductor: appaltatore, fittavolo

  • Confector: confezionatore, ad esempio «confector libri»

  • Confrater/consoror: maschio o femmina appartenente a una confraternita

  • Consiliarius: consigliere

  • Consul: console (del Comune, di giustizia, dei paratici)

  • Conversus/conversa: persona che pur vestendo un abito da frate non ha formulato i voti religiosi ed è addetto ai lavori più umili, in passato era una condizione comune, specialmente per le persone illetterate che volevano entrare in convento

  • Coperius: fabbricatore di piccoli recipienti in vetro

  • Corbellator: da «corba» - cestaio

  • Cordarius: cordaio

  • Cordoanerius: calzolaio

  • Coriarius: cuoiaio

  • Correzarius: correggiaio

  • Cortellarius: coltellinaio

  • Cozonus: mediatore di cavalli

  • Credenciarius: consigliere comunale

  • Cribellator: setacciatore

  • Curazarius: costruttore di corazze

  • Custos: custode del castello («castri»), alle porte, di prigionieri («captorum»)

  • Datiarius: daziere

  • Discipulus: apprendista

  • Dissens: apprendista, allievo

  • Districtabilis: uomo del contado soggetto alla giurisdizione della Città

  • Domicellus: servitore

  • Dorerius: indoratore

  • Draperius: drappiere

  • Drozarius: chimico

  • Excoriator: scuoiatore, macellatore

  • Exercitalis: vedi arimanno

  • Extimator: stimatore di terre e sedimi

  • Fabricerius: curatore di edifici sacri

  • Factor campanarum: fonditore di campane

  • Famulus: servo domestico

  • Farinotus: venditore di farina

  • Farsettarius: colui che fa farsetti (giubbe a falde corte)

  • Fenerator: gestore di banco feneratizio

  • Ferarius: fabbro ferraio

  • Ferracerius: raccoglitore di ferro vecchio

  • Festarius: addobbatore di chiese

  • Fibularius: costruttore di fibbie

  • Filator sete: filatore di seta

  • Fixarius: ?

  • Flebotomus: colui che pratica salassi

  • Fodinator: minatore

  • Folator: follatore, addetto alla battitura degli stracci per farne carta o al lavaggio dei panni

  • Formagiarius: formaggiaio

  • Fornarius: fornaio

  • Fornaxarius: fornaciaio

  • Franctor: sminuzzatore di minerali?

  • Frenarius: costruttore di fibbie

  • Frixerius: maestro della lavorazione della seta intessuta con fili d’oro o d’argento

  • Funarius: cordaio

  • Fundacarius: fondichiere, gestore del magazzino annesso alla dogana dove i mercanti riponevano e contrattavano le loro merci

  • Fuserius: costruttore di fusi

  • Fustanerius: lavoratore di fustagni

  • Fusterius: falegname, carpentiere

  • Garcio: garzone

  • Garzator: addetto alla spazzolatura dei panni

  • Gasindus: addetto alla custodia dei «gazzi» (selve riservate ai re)

  • Gastaldus: funzionario amministrativo in ambito civile, militare, giudiziario

  • Glossator: autore di glosse (note), con riferimento soprattutto a quei giureconsulti che in età medievale compilarono glosse ai testi giuridici giustinianei, canonistici, feudali, etc.

  • Grangerius: coordinatore dei manovali alle dipendenze della grangia (le grangie erano grandi tenute agricole fondate dai monaci cistercensi)

  • Grossator: funzionario avente il compito di trascrivere su pergamena, con caratteri più nitidi e più grossi dei corsivi usati nelle minute, i documenti spediti dalla cancelleria

  • Guaita (waita): sentinella

  • Gualcator: addetto alla gualcatura (rassodatura) dei panni con l’aiuto del follone (macchina idraulica)

  • Guaynarius: costruttore di foderi e guaine

  • Gyocharolus: costruttore di gioghi per bovini da tiro

  • Herbarius: raccoglitore di erbe officinali

  • Histrio: attore di commedie

  • Hospes: oste

  • Ingenierius: ingegnere

  • Ioculator: giocoliere

  • Iudex: giudice

  • Laborator coyraminis: conciatore, lavoratore del cuoio

  • Laborator lane: lavoratore della lana

  • Laborator telarum: lavoratore della tela

  • Lanarolus: lanaiolo

  • Lanifex: lanaiolo

  • Lanzarius: costruttore di coltelli - «lanzea pro turtium» (coltello per tagliare torte)

  • Lapicida: scalpellino, intagliatore di pietre

  • Lector: professore, insegnante che teneva la lezione

  • Legum doctor: dottore in leggi

  • Libellarius: coltivatore provvisto di contratto agrario scritto

  • Libertus: servo emancipato mediante riscatto, oppure affrancato per volontà comunale o padronale, in quest’ultimo caso la «manumissio» era concessa davanti all’altare se il servo era di proprietà della chiesa, «pro remedio anime» se il padrone era un laico, seguendo un rituale che prevedeva di prendere per mano il servo e condurlo ad un incrocio di strade, lasciandolo così libero di scegliere la sua

  • Ligator: legatore di libri

  • Linarolius: linaiolo

  • Lixerius: ritorcitore di fili

  • Lizator: ritorcitore - in qualche caso l’artigiano è qualificato «lizator et draperius»

  • Locumtenens: luogotenente

  • Lusor: giocatore d’azzardo

  • Magister armorum: maestro d’armi

  • Magister axie: maestro d’ascia

  • Magister balistrarum: maestro da balestre

  • Magister cazolie: maestro di cazzuola

  • Magister cozorum: maestro da coperte

  • Magister furni: maestro fonditore nelle ferriere

  • Magister horologi: maestro orologiaio

  • Magister manarie sive lignamina: maestro da legno, carpentiere - gli Statuti, tra le altre cose, imponevano a questi artigiani di prestare la loro opera nello spegnmento degli incendi, unitamente ai mastri da muro e ai brentatori; «manaria» = accetta, roncola, manarino

  • Magister muriculus: maestro da muro

  • Magister officine monetarum: maestro di zecca

  • Magister: genericamente persona esperte in qualche attività artigianale (vedi infra) o scienza: « in logica», «in artibus et in medicina », «in dialectica et phisica» etc.

  • Maior: cantore maggiore del capitolo cattedrale

  • Malghesius: mandriano

  • Maloserius/marosserius: sensale, anche usuraio

  • Mancipium: uomo di condizione servile

  • Mandatarius: colui che agiva per conto di un’altra persona

  • Marangonus: falegname, carpentiere

  • Marescalcus: curatore di cavalli

  • Mascha: strega

  • Massarius: massaro, coltivatore del manso (12 iugeri = 30.226, 56 mq), divisione agraria medievale che indicava appunto l’appezzamento di terreno affittato a una famiglia colonica. Poteva essere libero o servo. In seguito concessionario di terre per le quali pagava il terzo o il quarto dei raccolti, oltre ad altri servizi concordati con il padrone, anche cassiere di monastero o del comune

  • Mazzarius: canonico maggiore che portava la mazza cerimoniale d’argento nel corso delle processioni solenni

  • Medicus: medico

  • Mensurator: misuratore, agrimensore

  • Mercator: mercante

  • Meretrix: prostituta

  • Merzader: mercante

  • Merzadrus: merciao

  • Merzarius/merçarius: merciaio

  • Mesetus: mediatore, sensale

  • Messonerius: mietitore

  • Metallurgus: minatore

  • Mezadrus: mezzadro, conduttore di terre d’altrui proprietà che cede al padrone metà dei raccolti

  • Miles: cavaliere addobbato

  • Mimus: mimo

  • Minister: amministratore

  • Ministerialis: genericamente persona investita di un compito

  • Molarius: incaricato del Comune a sovraintendere all’esportazione delle mole e alla riscossione del relativo provento («molaria»)

  • Molinarius: mugnaio

  • Moyolarius: vasaio - «Vasorum qui moili appellabantur artifex»

  • Mundador: vagliatore

  • Murator: muratore

  • Navarolus: barcaiolo

  • Notarius: notaio

  • Numptius: messo

  • Oblatus: chi è stato consacrato a Dio fin dall’infanzia dai genitori e perciò “offerto” a un monastero

  • Officialis: ufficiale

  • Oleator: mercante d’olio

  • Operarius: manovale

  • Ortolanus: ortolano

  • Osbergherius: fabbricatore di cotte in maglia d’acciaio, completate dalle «gamberie», dalla «panceria», dal «capironus» (cappuccio), «maniberghe» (maniche con annessi i guanti), «coxaroni» (cosciali), «cervelleria/ cazetum/bacinetum» (elmo)

  • Oselator: cacciatore di uccelli

  • Osterius: oste

  • Pagensis: abitatore del villaggio («pagus»)

  • Parolarius: calderaio

  • Pastor: pastore

  • Paterius: straccivendolo

  • Patronus: detentore di giuspatronato

  • Pecorarius: pecoraio

  • Pedisseca: serva-concubina del prete

  • Peletharius: pellettiere, a volte associato a legatore di libri

  • Peliparius: pellicciaio

  • Petenarius: pettinatore di lane

  • Petenator lane: pettinatore di lane

  • Petenator: pettinatore di lane

  • Petiarius: incaricato della vigilanza sulla correzione delle «pecie», le copie di testi universitari

  • Pharmacopola: speziale

  • Physicus: dottor fisico

  • Picator lapidum/petrarum: piccapietre

  • Pictor: pittore

  • Pigmentarius: rivenditore di sostanze colorate e profumi

  • Pignatarius: produttore di vasellame in terracotta

  • Piscator: pescatore

  • Pithicarius: pizzicagnolo
  • Plebanus: prete rettore di una pieve

  • Ponderator: pesatore eletto dal Comune

  • Porcharius: guardiano di porci

  • Portator vini: portatore di vino

  • Portator: facchino

  • Portonarius: traghettatore fluviale

  • Portavinus: portatore di vino

  • Potestas: podestà

  • Prebendarius: schiavo domestico; ecclesiastico titolare di una rendita canonicale o di cappella

  • Preceptor: precettore

  • Prefectus: letteralmente colui che è stato posto a capo; funzionario o dignitario dell’amministrazione ecclesiastica o laica

  • Prelatus: persona per dignità superiore a un’altra, membro del clero che ha giurisdizione ordinaria nel foro ecclesiastico

  • Prepositus: capo di una comunità di ecclesiastici che conducono vita comune; in ambito laico funzionario preposto a funzioni giudiziarie o fiscali

  • Presbiter: prete, sacerdote del clero secolare che ha ricevuto il più alto degli ordini maggiori, ad eccezione di quello episcopale, e che può dunque celebrare messa

  • Primicerius: capo dei notai con compito di cancelliere, poi ecclesiastico che sorveglia i suddiaconi e gli altri chierici nei capitoli cattedrali

  • Prior: colui che fa le veci dell’abate; capo di un monastero dipendente dall’abbazia madre

  • Prior: in ambito ecclesiastico persona posta a capo di una chiesa, convento o confraternita; in ambito laico capo di una corporazione, di un collegio di dottori etc.

  • Procurator: amministratore, colui che rappresenta un altro nella stipula di un contratto o in tribunale

  • Prosoneta: sensale

  • Protospatarius: primo scudiere

  • Pulsator: incaricato del Comune per il suono della campane per dare l’allarme, «pro malo tempore seu tempestatibus» etc.

  • Rationator: incaricato del Comune o da altro ente per la verifica dei conti

  • Rauderius/Roderius: attor mimico

  • Recamatrix: ricamatrice

  • Recopertor domorum: colui che ripara o ricopre case

  • Rector: rettore di chiesa, scuola etc.

  • Referendarius: funzionario che riferisce a una autorità superiore

  • Remularius: costruttore di remi

  • Revenzarolus: venditore ambulante

  • Ribaldus: vagabondo, bestemmiatore, ladruncolo

  • Rotarius: costruttore di ruote

  • Sabaterius: calzolaio

  • Saccomannus: addetto al trasporto dei bagagli negli eserciti medievali; servitore incaricato di fornire le armi di ricambio al cavaliere in battaglia, di finire i moribondi e di catturare prigionieri a scopo di riscatto

  • Sagittarius: arciere

  • Saglobator: saltimbanco

  • Sartor: sarto

  • Scabinus: esperto in diritto legislativo e consuetudinario

  • Scaraguaita (scarawaita): drappello di sentinelle

  • Scarparolus: calzolaio - «Item provisum est quod cordoanarii vel callegarii vel aliqui alii facientes vel vendentes scarpas vel calzarios non possint accipere, videlicet de pari Scarparum ab homine que sint Scarpe subtiles integre vel intagiate ultra 11 solidos. et 11 denarios»

  • Scartezator: addetto alla cernita e cardatura delle lane

  • Sclavus: schiavo di tratta proveniente dai paesi slavi

  • Scortigator: scuoiatore

  • Scriniarius: notaio di cancelleria imperiale, pontificia, regia

  • Sculptor: scultore

  • Scutarius: costruttore di scudi

  • Scutelarius: produttore di stoviglie

  • Scutifer: scudiero

  • Secator: mietitore (ancora nel XIII secolo le messi venivano segate alte e non falciate)

  • Selarius: sellaio

  • Serviens: serviente del Comune

  • Servitor: servitore

  • Sescalcus: siniscalco, maestro di casa, maggiordomo, dignitario con mansioni amministrative, militari o di giustizia

  • Sgurator: lucidatore di metalli

  • Signifer: alfiere, vessillifero

  • Solicitator: sollecitatore di cause

  • Somerius: mulattiere

  • Sonator arpe: suonatore d’arpa

  • Soprastans: sovrintendente

  • Soyarius: ?

  • Spatarius: confezionatore di spade

  • Speciarius: speziale

  • Stagninerius: stagnaio

  • Stationerius sive bidellus: bidello presso le università

  • Stipendiarius: stipendiato, economo, procuratore

  • Strazarolus: raccoglitore di stracci

  • Sutor: calzolaio

  • Tabellionus: notaio

  • Tabernarius: taverniere

  • Taliator fodri: ricevitore delle esazioni

  • Taxillator: giocatore di dadi («taxillos»)

  • Testarius: garante - «Ego Petrus qui dicor testarius, notarius sacri palatii, autenticum hujus instrumentum vidi, & legi»

  • Texaurarius: tesoriere

  • Texenderius: tessitore

  • Textor: tessitore

  • Tinctor: tintore

  • Tirator: adetto alla tiratura dei panni (il panno veniva teso ad asciugare su appositi telai in legno, detti tiratoi)

  • Torculator: torchiatore

  • Tornator/tornerius: tornitore di scodelle, mortai e catini in legno per cucina

  • Torrianus: persona che sovrintende a coloro che sono preposti alla guardia delle porte

  • Tovagiarius: fabbricante di tovaglie e simili

  • Triparius: trippaio

  • Tronbator: trombettiere, banditore

  • Tubator: suonatore di tromba

  • Tupinerius: produttore di vasellame in terracotta

  • Uchiator: cucitore, lavoratore d’ago

  • Unctor: untore di pelli o di cadaveri

  • Vacharolus: vaccaro

  • Vaginarius: costruttore di foderi e guaine

  • Valletus: staffiere, giovane servitore - «appellati vulgo magnatum filii, qui necdum militare cingulum erant consecuti» (volgarmente chiamati i figli dei magnati non ancora addobbati con il cingolo della milizia)

  • Vangator: zappatore

  • Vasletus: valletto

  • Vassus: valvassore, vassallo di un vassallo

  • Vastator: guastatore

  • Vayrarius: venditore di pelli di vaio (pellicce)

  • Venditor blave: venditore di grani

  • Vergator: misuratore del vino con la verga per la riscossione del «Vergaium» (dazio) - «Jus mensure, ad quam exiguntur dolia vinaria, quod virga fit sic dictum»; battilana

  • Viator: messo

  • Vicarius: vicario

  • Vicinus: membro di una circoscrizione territoriale facente capo a una chiesa, rione («vicinìa»), contrada («hora») o porta, con interessi o beni comuni

  • Victuralis: trasportatore

  • Villanus/Vilicus: abitante della campagna (della villa)

  • Visdominus: colui che fa le veci del signore

  • Vitrearius: fabbricatore di vetri

  • Zavatarius: calzolaio

  • Zerlator: portatore di vino - «Quod quilibet Zerlator, seu mensurator communitatis prædicte, teneatur et debeat denuntiare seu notificare dicto emptori datii predicti quantitatem vini quod portabit»

  • Zocholarius: zoccolaio, oppure costruttore di gioghi per bestie bovine da tiro

  • Zupelarius: liutaio

  • Zuponarius: fabbricatore di giubbe («zupe»), in particolare dei giubboni («zuparones») imbottiti indossati dalle fanterie comunali







Questo articolo proviene da TuttoGenealogia.it
https://www.tuttogenealogia.it/