Conosciamoci meglio
     Chi siamo
     Collaboratori

 Forum di ricerca
     Ricerca Antenati in Italia
     Ricerca Antenati all'estero
     Search Italian Ancestors
     Retrouvez vos ancêtres italiens
     Busqueda antepasados en Italia
     Pesquisa Ancestrais na Itália
     Suche nach Italienischen Vorfahren
     Documenti antichi
Supporta anche tu
TuttoGenealogia.it
EmiliaC
Gius79
Julie
LLUCIO
RiccardoP..
denismars..
giulio76
marziabra..
sacmo
ziadani


Sei un utente Anonimo. Puoi registrarti gratuitamente cliccando qui
Abbiamo 366 ospiti e 10 iscritti in linea
Siti consigliati
In questa sezione sono raccolti siti ritenuti utili od interessanti per le tue ricerche genealogiche. Se vuoi puoi proporne anche tu. [...]

Inoltre:
Opera in: Livorno
 GIUNTI MATTEO
Messaggio personale:
Mi occupo dal 1999 di ricerche genealogiche e familiari utilizzando fonti primarie e secondarie. ...
Vedi il resto ...
Vuoi aderire anche tu ?


[visite:8884]


[visite:780]


[visite:5565]


[visite:3015]


[visite:5457]


[visite:5559]


[visite:1841]


[visite:5643]


[visite:4799]


[visite:5028]


[visite:1173]


[visite:5138]


[visite:1693]


[visite:9930]


[visite:742]


[visite:5159]


[visite:3482]


[visite:3441]

Elenco completo
Che cos'è la Genealogia

(632 totale parole in questo testo)
(15505 Letture)   Vers. stampa


di Giovanna Maria Caporaloni

Chi si avvicina a questo argomento per la prima volta spesso non ha le idee ben chiare su cosa sia la genealogia. Talvolta già a partire dal significato di questa parola, e dalla sua etimologia, si tende a fare un po’ di confusione, ma sono soprattutto i suoi ambiti di ricerca e come lo studio genealogico possa rivelarsi utile nella vita quotidiana, le questioni che attanagliano il neofita.

Con il termine “genealogia” indichiamo una branca della storia che studia, mediante l’analisi dei documenti, la progressione degli antenati, sia secondo i legami parentali che intercorrono tra di essi, sia riguardo agli eventi della loro vita.

Genealogia (dal greco antico: γενεά= “generazione”, nei vari significati legati alla nascita, ma anche “famiglia” o “stirpe”, e λόγος= letteralmente “parola”, in questo caso nel suo significato di “racconto” o “narrazione”) è dunque quella disciplina umanistica che si occupa di ricostruire con certezza i “fili” che uniscono tutti coloro che discendono da un comune capostipite. Attraverso l’analisi rigorosa di vari tipi di fonti (orali, documentali, iconografiche) il genealogista recupera tutte le informazioni necessarie a ricreare l’insieme dei legami parentali, riconducendo ogni elemento alla famiglia di appartenenza con procedimenti che a buon diritto possiamo definire “scientifici”.

Tale ricostruzione può avere un carattere “ascendente” o “discendente”. Parleremo di genealogia ascendente quando lo studio partirà da un determinato soggetto e si evolverà risalendo verso i suoi antenati più antichi (dal figlio al padre, dal padre al nonno, dal nonno al bisnonno e così via…). La definiremo invece genealogia discendente quando, a partire da un soggetto ben identificato, che definiremo capostipite, studieremo e ricostruiremo tutti i legami di coloro che da esso discendono (dal bisnonno al nonno, dal nonno al padre, dal padre al figlio, ai nipoti, ai pronipoti e così via…).

In alcuni casi, inoltre, la genealogia serve a ricostruire i legami tra due o più persone che, pur non avendo un antenato in comune, appartengano a famiglie diverse collegate da rapporti di affinità.

Può capitare che qualcuno confonda la poco nota genealogia con la sua sorella “vip”, ossia l’araldica, anch'essa scienza sussidiaria alla storia, maggiormente conosciuta perché storicamente legata ad una suddivisione per ceti fortemente incuneata nella concezione arcaica di popolazione. L’araldica nasce quale strumento per l’identificazione delle diverse casate e, a differenza della genealogia che si caratterizza anche per l’ampio uso di procedimenti logico-linguistici, si esplica attraverso una serie di convenzioni grafiche (emblemi, segni, colori, smalti) tramite le quali identificare con immediatezza un gruppo familiare o religioso, attraverso l’associazione dell’immagine al gruppo stesso. L’araldica, per la sua natura di “forma identificativa”, è strettamente legata a quei gruppi che godano di particolari caratteristiche o privilegi, la genealogia invece non è una prerogativa con caratteri di esclusività, poiché essa semplicemente si limita all'analisi e alla descrizione delle evoluzioni storico-familiari, evoluzioni che sono sempre esistite in ogni famiglia e in ogni ceto.

Nascere, sposarsi, riprodursi, morire: eventi da sempre comuni a milioni di persone.
Ricostruire la propria genealogia dunque non può essere considerato un “privilegio”: tutti hanno avuto dei predecessori e, con le opportune ricerche, chiunque potrà realizzare il proprio albero genealogico.
Quali potranno essere in seguito le applicazioni pratiche di questi studi? Se è vero che l’utilità della ricerca genealogica consiste per la maggior parte dei ricercatori non professionisti nella “sapienza” che ne deriva - ovvero nel recupero della consapevolezza di sé e delle proprie origini – è altrettanto vero che la ricostruzione dei legami familiari e la conseguente riscoperta di tante informazioni personali si rivelano spesso fondamentali nelle pratiche legali, notarili, di cittadinanza, ma anche in indagini mediche e genetiche.

  

[ Torna a Per Iniziare | Sezioni speciali ]


Home Termini d'uso Privacy Contattaci Chi siamo Backend
© TuttoGenealogia.it è un dominio registrato
info@tuttogenealogia.it